Dipendente deve restituire oltre 57mila euro, il Libero consorzio gli trattiene i pagamenti

Si tratta del componente dell'ufficio legale, le somme contestate furono versate applicando il regolamento che però è stato criticato dalla Corte dei Conti

Dipendente dell’ufficio legale del Libero consorzio deve restituire all’ente oltre 57mila euro: l’ex Provincia trattiene circa 20mila euro maturate per la rappresentanza legale dell’ente in tutto il 2018.

La vicenda è complessa: il Libero consorzio dopo il parere della Corte dei conti in sezione di controllo, aveva avviato un provvedimento di recupero delle somme liquidate all’unico avvocato in servizio, una donna, ritenendo che le stesse fossero state erogate in modo non corretto alla stessa giacché, si rilevò, il regolamento dell’avvocatura dell’Ente era redatto in modo non corrispondente alle norme.

"Le somme spettanti non erano corrette", Libero consorzio recupera oltre 57mila euro

Così alla fine l’ex Provincia si era attivata disponendo alla donna di versare oltre 57mila euro, cioè gli importi incassati in tre anni di attività, su un totale di 74mila euro corrisposte. Soldi che adesso l’Ente sta provvedendo a recuperare in modo autonomo, trattenendo le somme che avrebbe dovuto versare all’avvocatessa come importi connessi alla sua attività forense per conto del Libero consorzio. All’appello, però, mancano ancora almeno 30mila euro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Perde il controllo dell'auto mentre torna a casa: muore 23enne dopo un incidente

  • Si taglia una gamba e muore dissanguato: tragedia a Palma di Montechiaro

  • Tragedia a San Leone: muore un turista svizzero di 35 anni

  • L'incidente lungo la strada per la Scala dei Turchi: 59enne muore dopo quasi un mese d'agonia

  • Totano gigante si arena sulla spiaggia: curiosità e incredulità a Punta Grande

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento