menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Tribunale di Agrigento

Il Tribunale di Agrigento

Inchiesta Utc Lampedusa, lettera minatoria ad un maresciallo della Guardia di finanza

E' stato lo stesso sottufficiale delle Fiamme gialle a riferirlo nel corso dell'udienza nell'ambito del processo sulla presunta associazione a delinquere "promossa, organizzata e diretta" dall'ex sindaco di Lampedusa, dall'ex dirigente dell'Ufficio tecnico e da un consulente

«Noi ti consigliamo di non venire più qui a Lampedusa». Recitava così il testo scritto in una busta rinvenuta il 18 giugno scorso nella cassetta delle lettere del maresciallo Francesco Licari, in servizio alla Compagnia Guardia di Finanza di Agrigento e tra i principali investigatori che hanno lavorato sull'inchiesta riguardante l'ufficio tecnico comunale di Lampedusa.

E’ stato lo stesso sottufficiale delle Fiamme gialle a riferirlo stamani nel corso dell’udienza tenutasi al Tribunale di Agrigento nell’ambito del processo - in corso davanti al collegio di giudici presieduto da Giuseppe Miceli - sulla presunta cricca lampedusana che sarebbe stata messa in piedi dal 2008 al 2012, quando al vertice dell’amministrazione c’era il sindaco Bernardino De Rubeis.

Secondo l’accusa, vi era una vera e propria associazione a delinquere “promossa, organizzata e diretta” dall’ex sindaco di Lampedusa Bernardino De Rubeis, dall’ex dirigente dell’Ufficio tecnico Giuseppe Gabriele e dall’ex consulente Gioacchino Giancone. I reati contestati sono l’associazione a delinquere, la corruzione, il falso, la truffa, l’abuso di ufficio, la turbativa d’asta e l’abusivismo edilizio.

Il maresciallo Licari aveva già deposto in aula lo scorso 27 maggio: prima del rinvio all’udienza di oggi, il sottufficiale della Guardia di Finanza aveva iniziato a raccontare i primi passi dell’indagine con l’ausilio di un proiettore con il quale mostrava i documenti di cui parlava. Un lavoro certosino, delicato, ricco di dettagli e di attività investigative tradizionali. Poi il rinvio e la convocazione della nuova udienza. Ma da quella data ad oggi, il militare ha dovuto fare i conti con l’intimidazione. 

Una busta vuota, alcun contenuto. Soltanto l’indirizzo del destinatario, ovvero l’abitazione privata del maresciallo che non vive ad Agrigento, e il mittente, indicato con un indirizzo di Lampedusa presumibilmente inventato. La scritta «Noi ti consigliamo di non venire più qui a Lampedusa» era, invece, riportata in un lembo della busta, dove vi era anche la firma "Gli amici di Lampedusa".

Ma alla minaccia non è mancata la risposta. Stamani ad accompagnare il maresciallo in aula c’erano numerosi colleghi, chi in divisa e chi in borghese. C’era anche il comandante della Compagnia, il capitano Stilian Cortese. In aula, nel banco della pubblica accusa, c’erano invece i massimi vertici dell’autorità giudiziaria: il procuratore capo Renato Di Natale, l’aggiunto Ignazio Fonzo e il sostituto Salvatore Vella, titolare dell'inchiesta. Tutti presenti, nessuno escluso. Come a voler dimostrare che lo Stato non si fa intimidire da una lettera e che il militare preso di mira non è solo. Anzi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento