rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca Racalmuto

Sciascia e la luce eterna della Sicilia, 97 anni fa nasceva lo scrittore

L'assessore regionale: "Nessuno è stato, più e meglio di lui, scrittore civile. Leggere Sciascia vuol dire ritrovare l'uso della ragione che retorica e demagogia hanno spesso allontanato dai vacui sofisti" 

"Sai cos'è la nostra vita, la tua e la mia? Un sogno fatto in Sicilia. Forse siamo ancora lì e stiamo sognando". La luce eterna della Sicilia è stata richiamata nella frase incisa sulla corona di fiori che l'assessore regionale ai Beni culturali Vittorio Sgarbi ha deposto domenica sulla tomba di Leonardo Sciascia, a Racalmuto, ma anche sulle pagine de Il Giornale. 

Sgarbi: "La mafia non è l'unica cosa potente ed esportabile della Sicilia"

Novantasette anni fa, a Racalmuto, nasceva Leonardo Sciascia. Vittorio Sgarbi, dopo essere stato nei luoghi di Sciascia, ha ricordato - su Il Giornale - lo scrittore racalmutese con queste parole: "Per accedere alla fantasia gli era sufficiente la realtà e, per lui, siciliano, la realtà era la Sicilia, dove tutto era accaduto e tutto era passato ... Sciascia trattava la storia come cronaca e la cronaca come storia. Nessuno è stato, più e meglio di lui, scrittore civile. Leggere Sciascia vuol dire ritrovare l'uso della ragione che retorica e demagogia hanno spesso allontanato dai vacui sofisti. Il pensiero di Sciascia è presente e vivo ed è radicato nella sapienza antica, nella luce eterna di Sicilia". 

LA VIDEOINTERVISTA. "Stimare più criminalità rispetto al reale è un attentato alla dignitià della Sicilia"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciascia e la luce eterna della Sicilia, 97 anni fa nasceva lo scrittore

AgrigentoNotizie è in caricamento