menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una passata protesta degli insegnanti

Una passata protesta degli insegnanti

Legge 104, Insegnanti in movimento: "Nessun docente rispedito alla sede originaria"

L'associazione: "Fino ad ora, l'ufficio scolastico provinciale si è limitato ad annullare il trasferimento a 20 persone"

"Delle 400 revoche, nessun docente o personale Ata è stato rispedito alla sede scolastica di originaria titolarità, prima cioè di godere del beneficio. Fino ad ora, l'operato dell'ufficio scolastico provinciale si è limitato ad annullare il trasferimento a circa 20 docenti ed Ata, ma non in modo retroattivo, come da sempre rivendicato dalla nostra associazione, ma riferito soltanto dalla data che ha determinato la perdita del beneficio".  A chiarire, cercando di sgomberare il campo dalla confusione, sono stati i componenti dell'associazione "Insegnanti in movimento".  

Il caso è quello dei beneficiari illegittimi della legge 104. "Il piano di verifica straordinario curato dall’Inps, che ha interessato il personale della scuola segnalato dall’ufficio scolastico provinciale di Agrigento, - hanno spiegato dall'associazione "Insegnanti in movimento" -  ha interessato 1000 beneficiari su un totale di 1700. La revoca del beneficio della legge 104 ha riguardato circa 400 soggetti, di cui circa 350 beneficiari dell’articolo 21".  

LEGGI ANCHE: IL TERZO FILONE D'INCHIESTA: "COINVOLTI ALTRI INSEGNANTI"

"Ci preme sottolineare che - continuano gli 'Insegnanti in movimento' - il malcostume dell’abuso dell’articolo 21 della legge 104 ha permesso, a personale docente ed Ata, di avere la precedenza assoluta nella mobilità interprovinciale calpestando i diritti di chi legittimamente ne fruisce".  

Quello che appare veramente grave è che nessuno dei docenti e del personale Ata sia stato rispedito alla sede scolastica di originaria titolarità. L'ufficio scolastico provinciale  - stando a quanto è stato reso noto dall'associazione - si è limitato soltanto ad annullare il trasferimento a circa 20 docenti ed Ata. E non in modo retroattivo, come da sempre rivendicato dall'associazione, ma dalla data che ha determinato la perdita del beneficio.  

"Sino a quando non si rimanderanno indietro gli insegnati che hanno usufruito illecitamente della legge 104 - ha concluso l'associazione - si continuerà a perpetrare delle ingiustizie nei confronti di chi, da numerosi anni, non riesce a ritornare in provincia a causa di questo fenomeno". 

LEGGI ANCHE: L'ORDINE DEI MEDICI: "SI FACCIA CHIAREZZA"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento