Legambiente contro il Prg di Realmonte: "Troppe le criticità"

L'associazione rileva, tra le diverse cose, il fatto che il piano sia sovradimensionato rispetto al numero di residenti

(foto ARCHIVIO)

L'attuale Piano regolatore generale prevede un incremento della popolazione di Realmonte del 375% rispetto a quella attuale, ed è quindi logicamente sovradimensionato rispetto alle effettive necessità del territorio. E' questa una delle osservazioni al Prg di Realmonte avanzata da Legambiente Agrigento, che questa mattina ha tenuto sul punto una conferenza stampa per elencare tutte le criticità individuate dall'associazione ambientalista sullo strumento urbanistico.

Il piano - che adesso potrà ricevere per 60 giorni osservazioni e proposte di modifica - è stato adottato da un commissario regionale. "Un vulnus democratico - dice l'associazione", che contesta come lo strumento ricalchi l’impostazione culturale del precedente strumento urbanistico. "La stessa - dicono - che ha prodotto una grave vicenda giudiziaria con arresti, procedimenti penali ed amministrativi ed infine la demolizione di alcuni immobili".

Il Prg, inoltre, non terrebbe conto ella pianificazione sovraordinata preesistente e delle relative norme di salvaguardia, è, appunto, "sovradimensionato poiché ipotizza, senza adeguati supporti statistici, una crescita della popolazione residente pari al doppio di quella censita dal 1951 ad oggi"; incentiverebbe il consumo di suolo; adotta, dicono, "un modello di sviluppo turistico poco redditizio" ed è privo delle prescrizioni esecutive, oltre a contenere, dice l'associazione, "errori formali che non ne consentono una chiara lettura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento