"Le parole del Natale" al Circolo Empedocleo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Sincero e convintissimo successo per la terza serata della rassegna di teatro Club al circolo Empedocleo di Agrigento. Un foltissimo pubblico ha gremito l'elegante salone neoclassico del sodalizio culturale-sociale più antico della città di Agrigento.

Il Circolo Empedocleo trasformato in Teatro Club e il Pirandello stable festival di Mario Gaziano hanno presentato lo spettacolo “Le parole del Natale”, un'azione scenica tra recitazione, canti popolari, movimenti coreografici e iconografie sacre dal '300 al'600

Il progetto artistico è stato curato da Giuseppe Adamo e Mario Gaziano con la voce di conduzione di Giugiù Amato e la collaborazione artistica di Andrea Cassaro. E' stato un tuffarsi, tra emozioni e antiche suggestioni, nei sinceri sentimenti natalizi ,lontani dai modelli consumistici contemporanei,che pure hanno un loro specifico valore.

Ma qui, in queste “Parole del Natale” il pubblico attentissimo ha trovato le intensità delle emozioni antiche ma anche le suggestioni della contemporaneità, sentendo e vedendo le interpretazioni di Pavarotti (l'Ave Maria di Shubert) e di Bocelli (Preghiera) che ha suggellato il bel movimento di danza dei bravissimi e bellissimi Caterina e Nicola Barberi,in una raffinata coreografia di Simona Vita.

E la struggente interpretazione delle “Parole di Maria in attesa della nascita di Gesù” da parte della giovane Maria Grazia Castellana,convincente per intensità e per identificazione col personaggio. E poi la bella voce della dolcissima Samuela Vullo in una interpretazione appassionante di Alleluja di Leonardo Coen.

E di seguito le tradizioni popolari secolari con un ispirato Nenè Sciortino,oramai affermato maestro del canto popolare siciliano e Giugiù Gramaglia e Alfio Russo, interpreti storici, intensi e maturi, di antiche tradizioni con monolghi di grande originalità e di grande effetto. Ed ancora le ispirate poesie natalizie di Stella Camillieri ed Enzo Argento e le belle e umane interpretazioni di brani popolari di Alfonso Marchica e Giuseppe Gramaglia.

Una iniziativa artistica nella misura propria del Teatro da Camera in cui l'afflato tra artisti e pubblico è quanto mai vivo e condiviso. E a chiudere,come sorpresa natalizia la grande Lina Bernardi,ospite d'eccezione,che ha recitato-incantando- il “Natale nostro” di Guido Gozzano. Un'atmosfera resa ancor più magica dalle immagini in grande schermo dei volti delle Madonne da Raffaello a Botticelli,e a Beato Angelico e a Leonardo da Vinci a Giotto e al Caravaggio. Applausi commossi per tutti.

Il quarto appuntamento il 20 gennaio 2017 com Cecov e l'umporismo tra ottocento e primo novecento. 

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento