menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Rilievi dei carabinieri su un'autovettura (foto archivio)

Rilievi dei carabinieri su un'autovettura (foto archivio)

Le due rapine ai distributori, a "caccia" di Dna o impronte digitali

Gli specialisti dell'Arma ispezioneranno da cima a fondo l'auto, rubata a Campobello di Licata, utilizzata per mettere a segno i colpi. Acquisiti filmati dai sistemi di videosorveglianza

Gli specialisti dell’Arma dei carabinieri si metteranno al lavoro nelle prossime ore. La vecchia Fiat Uno - rubata a Campobello di Licata ed utilizzata per mettere a segno due rapine ad altrettanti distributori di carburante di Licata e Ravanusa – verrà ispezionata da cima a fondo per trovare tracce di Dna o impronte digitali. Perché questa volta, l’auto usata dai delinquenti è stata ritrovata integra.

Due rapine nel giro di un'ora con un'auto rubata e abbandonata: è "caccia" ai criminali

I due balordi, verosimilmente, non hanno avuto il tempo o l’opportunità per appiccare le fiamme e dunque distruggere ogni possibile indizio. I carabinieri della compagnia di Licata hanno inoltre già acquisito i filmati degli impianti di video sorveglianza posti a presidio dei distributori “Sicilpetroli” di Licata e “Fora paisi” di Ravanusa. Immagini che, già ieri, con grande attenzione, venivano passate in rassegna. E’ dai dettagli che i militari dell’Arma mirano a tracciare la giusta strada investigativa.

Ma una certezza sembrano avercela già: ad agire – Licata e forse anche a Canicattì – sarebbero sempre gli stessi delinquenti che privilegerebbero proprio i distributori di carburante. Fra le diverse rapine, quelle di Canicattì comprese appunto, vi sono tante – troppe – analogie. Compreso il fatto che non sarebbe la prima volta che viene utilizzata un’autovettura rubata, poco prima, a Campobello di Licata. Le attenzioni investigative, ieri, risultavano essere focalizzate proprio su quel “triangolo” di territorio agrigentino.

Ad agire, nella serata di venerdì, sono stati due criminali. E lo hanno fatto, con il volto coperto e armati di coltello, raggiungendo i due obiettivi prescelti con la Fiat Uno rubata. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento