rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

Lavoro nero e caporalato, Riccardo Gallo chiede di potenziare il contrasto

Il documento impegna il Governo a valutare l’opportunità di definire un tavolo d’intesa con la Regione Sicilia per aumentare la presenza sul territorio delle forze di polizia

Lavoro nero e caporalato. La Camera ha approvato un ordine del giorno del deputato Riccardo Gallo. Si tratta di un documento che impegna il Governo a valutare l’opportunità di definire un tavolo d’intesa con la Regione Siciliana per aumentare la presenza sul territorio isolano, tra forze di polizia, carabinieri, ispettorato e Prefettura, per potenziare le attività di contrasto.

“Si tratta di una iniziativa – ha spiegato il deputato forzista, l'agrigentino Riccardo Gallo – che mira al contrasto del fenomeno del cosiddetto “caporalato”,  ovvero l'intermediazione illegale e lo sfruttamento lavorativo in agricoltura, che coinvolge, sulla base degli ultimi dati forniti, tra gli altri, da Coldiretti, circa 430.000 lavoratori, italiani e stranieri, di cui circa 100.000 costretti a lavorare in condizioni che si possono definire di schiavitù. E la Sicilia è  coinvolta dal continuo flusso di immigrati clandestini, la cui posizione irregolare nel nostro paese alimenta il mercato delle braccia e delle attività criminali, penalizzando le aziende agricole in regola che adempiono puntualmente agli obblighi burocratici ed economici connessi ai rapporti di lavoro dipendente”.
 
 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro nero e caporalato, Riccardo Gallo chiede di potenziare il contrasto

AgrigentoNotizie è in caricamento