Archeologia, durante i lavori in via Dante spunta una fornace medievale

Gli interventi condotti da Ferrovie italiane sono stati momentaneamente sospesi per rimodulare il progetto

L'imbocco della fornace

Momentaneo stop per i lavori di consolidamento del muraglione tra via Dante e via dell’Annunziata in seguito ad un ritrovamento archeologico. Nelle scorse settimane, infatti, gli operai hanno scoperto dietro una parete di mattoni di tufo quella che inizialmente appariva solo come una cavità ma che è poi stato chiarito essere una grande fornace medievale destinata alla produzione di ceramica.

L’area è recintata e il buco che è l’unica cosa visibile dall’esterno e che denota la presenza di qualcosa di “anomalo” è chiuso con delle tavole. Ferrovie Italiane, d'accordo con la Soprintendenza ai beni culturali, ha disposto alcuni accorgimenti progettuali: al fine di garantire la rilevabilità del bene in futuro, sarà posta una lastra di vetro che consentirà di vederne l’esistenza, in una prospettiva prossima (in futuro anteriore) di un’attività di scavo. I cantieri comunque continueranno, necessariamente: la situazione di stabilità del versante è tutt’altro che tranquillizzante e oggi bisogna preservare la linea ferrata, le abitazioni e le due strade. Quello che la ditta che si deve occupare degli interventi dovrà garantire è però la massima tutela del bene, che rimarrà ad aspettare che gli enti preposti abbiano risorse da destinare allo scopo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento