Fermi i lavori al Pronto soccorso, l'Asp: "Esterno completato, pronti per la fase 2"

All'interno non si vedono operai, e c'è già chi parla di mancanza di fondi. L'Azienda sanitaria spiega cosa sta succedendo in ospedale

L'esterno del Pronto soccorso

All'ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento si lavora per la modernizzazione e la sistemazione esterna del pronto soccorso. All'esterno si vede già, come da progetto, che sono state cambiate le tettoie dei percorsi di ingresso sia del Pronto soccorso che del soprastante Poliambulatorio. Ancora recintata, invece, la zona della camera calda, ossia il corridoio che collega lo stallo delle ambulanze con l'interno dell'ospedale.

Nella parte interna, invece, entrando sembra che tutto sia fermo. Soprattutto chi utilizza il pronto soccorso per raggiungere gli altri reparti racconta di non vedere gli operai da circa otto giorni. Una assenza che sembra inspiegabile, mentre c'è già chi vocifera che siano terminati i fondi stanziati per i lavori.

Dall'azienda sanitaria, attraverso l'addetto stampa, fanno, però, sapere che i lavori sono ancora "in itinere". "L'ufficio tecnico - afferma il portavoce dell'Asp - fa sapere che le operazioni all'esterno sono terminate. Adesso siamo in una situazione di 'stallo' dovuta al fatto che occorre sistemare la parte interna in modo da consentire la prosecuzione dei lavori. Si sta, comunque, lavorando al fine di riconsegnare al più presto la struttura ai cittadini".

Per quanto riguarda l'interno del Pronto soccorso, il progetto prevede la rifunzionalizzazione del Triage per l'accettazione dei pazienti, l'ampliamento delle sale da visita, la realizzazione di due sale d'attesa e l'ammodernamento dell'area della Radiologia. I lavori ammontano a circa 700mila euro, una parte della quale era stata assicurata dall'assessorato regionale alla Salute. I lavori sono iniziati ad aprile, e si parlava di una durata di circa 180 giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento