menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'istituto "Generale Macaluso" di Racalmuto

L'istituto "Generale Macaluso" di Racalmuto

Lavori all'istituto "Generale Macaluso", il Tar condanna il Comune di Racalmuto

Lo rende noto l'avvocato Girolamo Rubino, che insieme a Leonardo Cucchiara, ha assistito la società seconda classificata nella gara d'appalto

Il Tribunale amministrativo regionale ha condannato il Comune di Racalmuto per la gara d’appalto relativa alla manutenzione straordinaria dell’istituto “Generale Macaluso”. Lo rende noto l’avvocato Girolamo Rubino, che insieme a Leonardo Cucchiara, ha assistito la società seconda classificata nella gara d’appalto.

“La gara, per un importo a base d'asta di 499 mila euro, era stata aggiudicata all'impresa 'Mr' costruzioni con sede a Mussomeli – scrive il legale - ma la società 'Sama srl', seconda classificata, ha presentato un reclamo, che veniva però rigettato dalla commissione di gara”.

L’impresa seconda classificata, dunque, ha presentato un ricorso al Tar Sicilia per l'annullamento del provvedimento di aggiudicazione definitiva, nonché per il risarcimento dei danni subiti. “I difensori – fa sapere l’avvocato Rubino - hanno censurato il provvedimento impugnato, lamentando il mancato possesso dei requisiti prescritti in capo all'aggiudicataria alla data dell'aggiudicazione.

“Esaminando il merito della controversia – prosegue il legale - il Tar ha ritenuto fondato il ricorso, condividendo la censura inerente il mancato possesso dei requisiti prescritti in capo all'aggiudicataria alla data dell'aggiudicazione. Poiché la ricorrente era classificata al secondo posto in graduatoria, la predetta sarebbe divenuta aggiudicataria dell'appalto. Il Tar ha ritenuto pertanto provato il danno ingiusto subito dalla ricorrente”.

Il Tar, per quanto riguarda, infine, il risarcimento, “ha ritenuto equo commisurare tale danno nella misura del 5 per cento del prezzo a base d'asta, - riferisce Rubino - ridotto della percentuale di ribasso contenuta nell'offerta della ricorrente; per quanto concerne il cosiddetto ‘danno curriculare’, espressamente richiesto dagli avvocati, è stato invece quantificato nell'un per cento di detta cifra.

“Dall'annullamento dell'aggiudicazione definitiva – aggiunge l’avvocato - è scaturita  anche la condanna alle spese a carico del Comune di Racalmuto, che ha dato causa al contenzioso. Pertanto, per effetto della sentenza resa dal Tar, l'Impresa Sama srl avrà diritto al risarcimento dei danni subiti per effetto dell'illegittima aggiudicazione, mentre il Comune di Racalmuto, oltre al risarcimento dei danni dovrà pagare anche le spese giudiziali all'impresa ricorrente”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento