menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I lavori in corso

I lavori in corso

Lavori sulla fogna terminati: domani riapre viale Nettuno

Gli interventi sono stati particolarmente complessi da realizzare, ma saranno completati entro oggi

Via Nettuno sarà riaperta al transito già nella giornata di domani. Ad annunciarlo è stata la Girgenti Acque, in questi giorni impegnata a ripristinare la condotta fognaria che si sarebbe rotta a causa del peso della strada sovrastante.

"La Gestione commissariale del Servizio Idrico Integrato della Provincia di Agrigento - si legge in una nota - si rammarica vivamente per il disagio arrecato alla cittadinanza e alle attività commerciali di San Leone a causa dei complessi lavori attualmente in esecuzione in via Nettuno, porgendo le proprie scuse".

San Leone tagliata in due dai lavori, protesta dei commercianti

Il lavoro, spiega la nota, è stato "indifferibile in quanto ben due tratti di collettori fognari sono risultati ostruiti e hanno mostrato un evidentissimo degrado, risultando per alcuni tratti praticamente inesistenti. La loro mancata funzionalità si è evidenziata, con tutta probabilità, a causa del notevole incremento dei reflui del periodo estivo". Un intervento estremamente complesso da realizzare "sia per la profondità dello scavo, per la franosità del terreno", totalmente costituito da sabbia e infiltrato da acqua marina. A questo si aggiungeva ovviamente il copioso afflusso di reflui che continuava a riempire lo scavo, rendendo necessario l'uso di 4 autospurgo.

Fognatura otturata, via ai lavori in via Nettuno

Lavoro che consentirà nelle prossime ore la riconnessione degli impianti delle acque bianche, la messa in sicurezza dei cavidotti interrati, l’installazione di un manufatto di accesso al pozzetto dal piano stradale e la ricostituzione della struttura portante il manto stradale con gettata di calcestruzzo. Entro la mattina di domani, secondo il gestore, la strada sarà riaperta, eliminando i disagi lamentati proprio questa mattina da residenti e titolari di attività commerciali e di ristorazione.

Critiche erano piovute contro la gestione da parte dell'associazione Mareamico. "La presenza nello scavo di acqua di mare - dice l'associazione - preoccupa perchè essendo il sottosuolo inquinato dalla presenza delle fogne trasferisce tutto in mare, per la legge dei vasi comunicanti. Chi è responsabile di tutto ciò?  Certamente - ha continuato - una colpa va data all'ente gestore delle fogne che non ha fatto la manutenzione ordinaria e quindi non si è accorta dell'ostruzione per tempo. Ma secondo noi la colpa principale è del proprietario delle reti: il comune di Agrigento, che non ha vigilato su come venissero manutenute le reti ed ora si trova alla vigilia di ferragosto con questo grave problema".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giardinetti del campo sportivo: arriva l'adozione da parte di privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento