Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

Traffico di cocaina dalla Calabria, parte processo di appello per tredici imputati

In primo grado il giudice ha escluso il reato di associazione a delinquere per tutti

ARCHIVIO

L'11 novembre davanti alla quarta sezione della Corte di appello di Palermo: riparte, in secondo grado, il processo scaturito dall'inchiesta Lampedusa, dal nome dell’isola che sarebbe stata la principale “piazza” di spaccio della cocaina calabrese destinata ai mercati dell'Agrigentino.

La sentenza, al termine del processo con rito abbreviato, è stata emessa dal gup di Palermo Rosario Di Gioia il 29 novembre. Il giudice ha escluso l'esistenza del vincolo associativo condannando tutti i tredici imputati.

Ecco, nel dettaglio, la sentenza: Giuseppe Bronte, 24 anni, di Palermo (condanna a 5 anni di reclusione); Salvatore Bronte, 50 anni, di Palermo (8 anni e 1 mese); Salvatore Capraro, 30 anni, di Agrigento (8 anni e 2 mesi); Gianluca Gambino, 22 anni, di Cinisi (2 anni e 4 mesi); Andrea Giambanco, 54 anni, di Carini (6 anni e 2 mesi); Davide Licata, 32 anni, di Racalmuto (5 anni); Imam Maazani, 21 anni, nata e residente ad Agrigento (2 anni e 6 mesi); Francesco Portanova, 34 anni, di Palermo (6 anni e 6 mesi); Emanuele Rizzo, 33 anni, di Palermo (3 anni e 4 mesi); Gaetano Rizzo, 32 anni, di Palermo (8 anni e 8 mesi); Domenico Stilo, 30 anni, di Melito di Porto Salvo (Reggio Calabria) (5 anni e 4 mesi); Ivan La Spisa, 32 anni, di Palermo (1 anno e 8 mesi) e Calogero Vignera, 36 anni, di Agrigento (2 anni e 6 mesi).

I difensori (fra gli altri gli avvocati Gianfranco Pilato, Salvatore Pennica, Enrico Quattrocchi e Giacomo La Russa) hanno impugnato il verdetto che, adesso, sarà ridiscusso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico di cocaina dalla Calabria, parte processo di appello per tredici imputati

AgrigentoNotizie è in caricamento