Domenica, 14 Luglio 2024
Il punto / Lampedusa e Linosa

L'hotspot di Lampedusa è stato svuotato, il questore: "Mai andato in difficoltà"

La struttura di primissima accoglienza di contrada Imbriacola è stata gestita, senza che collassasse, da polizia e Croce Rossa anche quando c'erano più di 4mila persone

Ore 21. Settantasette migranti, a bordo di due diversi barchini, sono stati soccorsi dalle motovedette della Capitaneria di porto e della Guardia di finanza che li hanno recuperati e sbarcati a Lampedusa. Sul primo natante c'erano 40 sudanesi e somali, partiti da Sfax dopo aver pagato 2.500 dinari tunisini. Sulla seconda carretta erano invece in 37, fra cui un minore, sedicenti sudanesi, anch'essi partiti da Sfax, pagando 1.500 dinari. Tutti, dopo un primo triage sanitario, sono stati portati all'hotspot di contrada Imbriacola.

Ore 19,30. Sono 119 i migranti, sui 234 presenti all'hotspot di Lampedusa, che vengono accompagnati dalla polizia, in piccoli gruppi, al porto. Tutti saranno imbarcati sul traghetto di linea Cossyra che giungerà all'alba di domani a Porto Empedocle. Ad operazioni concluse, nella struttura di contrada Imbriacola rimarranno appena 115 persone.

Ore 14. Sono 234, fra cui 119 minori non accompagnati, i migranti presenti nell'hotspot di Lampedusa. I poliziotti in servizio nella struttura di contrada Imbriacola hanno fatto, durante la mattinata, un nuovo censimento e il dato delle presenze è stato aggiornato. I 36 migranti in più, rispetto al dato di stamattina (198), sono persone ritrovate alla spicciolata, nei giorni scorsi, sull'isola dopo degli sbarchi autonomi. L'ultimo è stato ritrovato durante la notte. Su disposizione della Prefettura di Agrigento, in serata la polizia scorterà al porto 51 migranti che verranno imbarcati sul traghetto di linea Cossyra e trasferiti a Porto Empedocle.

Ore 7,55. L'hotspot di Lampedusa è stato svuotato. Nella struttura di contrada Imbriacola restano 198 migranti, fra cui 120 minori non accompagnati. Alcuni dei 198 non possono essere trasferiti perché la polizia sta verificando posizioni e pendenze giudiziarie, mentre altri sono testimoni di fatti che la Questura sta approfondendo, dal punto di vista investigativo, con l'autorità giudiziaria. Gente che, comunque, nel giro di qualche giorno verrà portata in altre destinazioni.

"Siamo stati sì strapieni, ma non siamo mai andati in difficoltà - ha spiegato il questore di Agrigento, Emanuele Ricifari - . Né la polizia, né Croce Rossa sono andate mai in difficoltà e la struttura di primissima accoglienza non è stata mai al collasso".

Ripescato il cadavere di un migrante: salma portata all'obitorio di Lampedusa

Associazione nazionale funzionari di polizia

"Grazie alla professionalità delle donne e degli uomini della Questura, della Prefettura e della Croce Rossa l’hotspot di Lampedusa ha retto al peso continuo di migranti ed è stato svuotato appena le condizioni logistiche l’hanno consentito grazie all’impegno delle istituzioni". Lo scrive Enzo Letizia, segretario dell'associazione nazionale funzionari di polizia. "Il flusso, senza precedenti, è comunque destinato a protrarsi nel tempo, per cui occorre anche attraverso la prossima legge di bilancio - spiega Letizia - investire risorse sia per l’accoglienza, sia per rinforzare il sistema sicurezza dedicato all’immigrazione e al controllo del territorio affinché le criticità future non degenerino, sotto la pressione del fenomeno migratorio".

(Aggiornato alle ore 16,30)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'hotspot di Lampedusa è stato svuotato, il questore: "Mai andato in difficoltà"
AgrigentoNotizie è in caricamento