Peschereccio affondato, i sub proveranno a recuperare il cadavere del marinaio

Due squadre della Guardia costiera di Messina e Cagliari, domattina, si immergeranno a circa 60 metri di profondità - laddove si è adagiato il peschereccio "Giacomo Maria" - e tenteranno di disincagliare la salma

Una motovedetta della Guardia costiera e Francesco Solina

Due squadre sub della Guardia costiera di Messina e Cagliari, domattina, a partire dalle 9, si immergeranno a circa 60 metri di profondità - laddove si è adagiato il peschereccio "Giacomo Maria" - e tenteranno di disincagliare il marinaio cinquantunenne Francesco Solina. Un tentativo che non potrà che durare, per garantire la sicurezza degli operatori sub, quattro minuti. Per coordinare i sub è arrivato da Roma un coordinatore.

Se i sub non vi dovessero riuscire, è probabile che un'altro tentativo possa farsi dopodomani. Non prima perché rischierebbero una embolia. A Lampedusa, intanto, l'Asp di Palermo ha attivato la camera iperbarica. Solina - secondo quanto è stato ricostruito dalla Guardia costiera - è rimasto incastrato in prossimità di uno dei portelloni, all'altezza del verricello, ossia dove si trovava nel momento in cui la barca è affondata.

Ad individuare il cadavere del cinquantunenne, disperso dallo scorso 3 gennaio, è stato il "rov", il robot della Guardia costiera di Messina. Il cadavere dell'uomo è rimasto incastrato nel peschereccio "Giacomo Maria" - che è naufragato e che si trova, a circa 5 miglia dalla costa di Lampedusa, ad una profondità di circa 63 metri - . Una elevata profondità che potrebbe far rendere necessario anche l'arrivo di una nave della Marina militare con camera iperbarica a bordo. Una nave che, al momento, si troverebbe a La Spezia. 

LEGGI ANCHE: Affonda peschereccio, salvati tre membri dell'equipaggio 

Le ricerche della Guardia costiera erano state sospese, nei scorsi giorni, a causa del mare molto mosso. Da ieri, però erano riprese le ricerche di superficie, ossia con le motovedette. Stamani è stata effettuata l'immersione del "rov". A quanto pare, la Guardia costiera avrebbe già provato - ma senza riuscirvi - a disincagliare la salma con il braccio del robot.

Sia la famiglia che il sindaco delle Pelagie, Giusi Nicolini, sono stati già informati. A coordinare le operazioni è la Capitaneria di porto di Palermo e di Roma. 

Il "rov" ha effettuato anche delle video riprese che sono indispensabili per far progredire l'inchiesta aperta - per omicidio colposo - della Procura di Agrigento. Inchiesta che è coordinata dal sostituto Salvatore Vella. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LEGGI ANCHE: Due persone iscritte nel registro degli indagati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Passeggero della Tua positivo al Covid 19, l'Asp: "Chi ha viaggiato su questo bus ci contatti immediatamente"

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: 8 gli agrigentini contagiati

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): 6 per Agrigento, arrivano i primi tamponi rapidi

  • Vigile del fuoco e operaio dell'aeroporto positivi al Coronavirus: nuovo caso anche a Cattolica

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento