Equipaggio accusato di avere ignorato i soccorsi prima della strage, teste: "Grida migranti si sarebbero sentite a un chilometro"

Un funzionario della Capitaneria depone al processo: "In quelle condizioni era impensabile non accorgersene"

“In quelle condizioni, le urla e le grida dei naufraghi si sarebbero sentite a distanza di 500 metri o forse di un chilometro. Era buio e non c’era nessun’altra imbarcazione, non so se all’interno ci potevano essere dei rumori per la strumentazione di bordo ma non avrebbero inciso”.

I sette componenti dell’equipaggio del peschereccio “Aristeus, accusati di non essersi fermati a soccorrere l’imbarcazione, stracolma all'inverosimile con almeno 520 immigrati, che stava per colare a picco, si sono sempre difesi sostenendo di non avere avuto contezza di quanto stava per accadere da lì a poco. Un funzionario della Capitaneria di porto, chiamato ieri a testimoniare al processo per omissione di soccorso a carico dei sette imputati, ha ricostruito in aula la possibile rotta e le condizioni ambientali di quella tragica notte.

Nella strage del 3 ottobre del 2013 ci furono 366 morti accertati al largo di Lampedusa. L’imbarcazione stava per affondare e l’equipaggio del peschereccio, sostiene l’accusa, proseguì senza fermarsi a soccorrere i profughi né tantomeno avvisare le autorità. “È stata ricostruita la rotta – ha detto il funzionario rispondendo al pubblico ministero Gloria Andreoli – ed è del tutto compatibile con quella dell’imbarcazione affondata”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • Emergenza Coronavirus, scatta la quarantena per tre persone

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • Psicosi Coronavirus, dirigenti scolastici sospendono le gite

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento