rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Ambiente / Lampedusa e Linosa

Stazioni di sollevamento delle acque reflue in tilt, Protezione civile concede finanziamento straordinario

Con i 70 mila euro verranno subito ripristinate le pompe delle contrade Salina e Castiglione. Intanto, è stato "tamponato" lo sversamento di liquami fognari a Cala delle Palme che aveva inquinato le acque cristalline e determinato odore nauseabondo in tutta l'area

La Protezione civile regionale ha autorizzato un finanziamento da 70 mila euro, quale contributo straordinario al Comune di Lampedusa e Linosa, per ripristinare le pompe di sollevamento delle contrade Salina e Castiglione. A chiedere un intervento urgente, per carenza dei necessari fondi e per problemi igienico-sanitari causati dal non funzionamento di alcune stazioni di sollevamento delle acque reflue della rete fognaria, è stato il neo sindaco delle Pelagie Filippo Mannino che aveva evidenziato anche rischi d'ordine pubblico.

La Protezione civile provinciale e regionale si sono subito attivate per la salvaguardia della pubblica e privata incolumità e hanno autorizzato il finanziamento che servirà a ripristinare le pompe di sollevamento delle contrade Salina e Castiglione. Intanto, è stato "tamponato" lo sversamento di liquami fognari a Cala delle Palme che aveva inquinato le acque cristalline e determinato odore nauseabondo in tutta l'area.

Da location di foto ad area da cui scappare: sversamento fognario a Cala Palme, acqua torbida e un odore nauseabondo

"Ringrazio la Protezione civile provinciale e regionale per questa importante mano d'aiuto che ci è stata subito garantita con il finanziamento che permetterà di scongiurare ulteriori problemi igienico-sanitari" - ha detto il sindaco delle Pelagie, Filippo Mannino - .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stazioni di sollevamento delle acque reflue in tilt, Protezione civile concede finanziamento straordinario

AgrigentoNotizie è in caricamento