Caso "Sea Watch3", Salvini: "Metà immigrati ad Amsterdam, metà a Berlino e sequestro della nave pirata"

Le parole del vice premier si registrano a distanza di alcune ore da quanto la Corte di Strasburgo ha reso noto d'aver ricevuto una richiesta - avanzata da alcuni immigrati che si trovano a bordo della nave -  di "misure provvisorie" per chiedere all'Italia di consentire lo sbarco

La Sea Watch3

"L'Unione Europea vuole risolvere il problema Sea Watch? Facile. Nave olandese, Ong tedesca: metà immigrati ad Amsterdam, l'altra metà a Berlino. E sequestro della nave pirata. Punto". Lo dice, secondo quanto riporta l'Ansa, il ministro dell'Interno Matteo Salvini.

Il caso "Sea Watch 3", la Corte di Strasburgo "richiama" il Governo

Le parole del vice premier si registrano a distanza di alcune ore da quanto, stamani, la Corte di Strasburgo ha reso noto d'aver ricevuto una richiesta - avanzata da alcuni immigrati che si trovano a bordo della "Sea Watch 3" -  di "misure provvisorie" per chiedere all'Italia di consentire lo sbarco dei migranti. 

Sea Watch3, il portavoce: "Non sappiamo per quanto ancora possiamo continuare"

La nave "Sea Watch 3" si trova da quasi 12 giorni, ormai, al confine con le acque territoriali italiane: a circa 15 miglia da Lampedusa. A bordo, oltre all'equipaggio dell'imbarcazione, ci sono 42 immigrati salvati in acque libiche.

Meloni su Facebook 

"Paradossale che la Corte di Strasburgo chieda all'Italia risposte sullo sbarco della Sea Watch. E' l'Olanda, la cui bandiera sventola sulla nave Ong, a doverci dire se riconosce l'imbarcazione come olandese e a farsene carico. In caso contrario trattasi di nave pirata: si trasbordano i passeggeri, l'equipaggio si arresta e la nave si affonda". Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento