Salvini firma il divieto di ingresso: no acque italiane per la Sea Watch3

La portavoce della Ong: "Uno dei naufraghi ha raccontato di essere stato costretto a seppellire cadaveri per preparare il centro di detenzione"

Matteo Salvini firma il divieto di ingresso

"Ho appena firmato il divieto di ingresso, transito e sosta alla nave Sea Watch 3 nelle acque italiane, come previsto dal nuovo secreto Sicurezza. Ora il documento sarà alla firma dei colleghi ai Trasporti e alla Difesa: stop ai complici di scafisti e trafficanti". Lo scrive, postando anche una foto, su Twitter il ministro dell'Interno Matteo Salvini.

"Sea Watch3" a 15 miglia da Lampedusa appende gli striscioni: "Aprite i porti"

Per la seconda notte consecutiva, intanto, la "Sea Watch 3" è rimasta al confine con le acque territoriali italiane, a circa 16 miglia da Lampedusa. Da due 
giorni la nave "pendola", come si dice nel gergo marittimo, ossia fa avanti e indietro. 

La Sea Watch 3 fa rotta verso Lampedusa, Salvini firma una direttiva

I racconti dei naufraghi 

"Le persone a bordo ci hanno raccontato di aver trascorso lunghi periodi di detenzione in Libia e di aver subito vessazioni inenarrabili. Uno dei naufraghi ha raccontato di essere stato costretto a seppellire cadaveri per preparare il centro di detenzione alla visita di operatori esterni cercando di renderlo più  presentabile. Questa è la Libia, il paese in cui ci viene indicato di portare le persone soccorse: non lo faremo mai". Lo ha detto, in un video, su Twitter, la portavoce della Ong Sea Watch Giorgia Linardi. 

Salvini: "Basta dissequestri o vado io in Procura ad Agrigento"

"Anche il più piccolo dei minori non accompagnati, che ha solo 12 anni, è stato imprigionato senza un valido motivo. Un'altra persona - ha aggiunto Linardi - ha raccontato di essere stata venduta, pare, peraltro, a un ufficiale del governo e di essere stato costretto a prestare manodopera gratuita: ha lavorato come servo per potersi comprare la libertà ed essere messo su un gommone". Tutte le volte che i naufraghi sono ricondotti in Libia "vengono di nuovo 
imprigionati". Alla vista della motovedetta libica "sono terrorizzati". "Un'altra persona - prosegue - ha raccontato che il  familiare gli è stato ucciso davanti agli occhi con un colpo di kalashnikov, sempre in detenzione". "Noi non riporteremo mai nessuno in un Paese dove alle persone è riservato questo trattamento - ammonisce Linardi -. Ci aspetteremmo che i nostri governi si impegnassero perché questo non avvenga invece di alimentare la spirale del traffico permettendo che queste persone che tentano di scappare dalla Libia siano riportate indietro, torturate, seviziate. E se sopravvivono... di nuovo ributtate in mare per essere poi riportate indietro. Finché non periscono".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Controllo sanitario a bordo della Sea Watch

"Il centro nazionale di coordinamento del soccorso in mare di Roma ha annunciato un controllo sanitario a bordo. Ci stiamo avvicinando alla posizione dell'incontro, in acque internazionali davanti a Lampedusa". Lo scrive Sea Watch in un post su Twitter che torna a chiedere un porto sicuro per lo sbarco dei 52 immigrati: "Tutti loro - si legge - hanno bisogno di protezione, tutti hanno bisogno di avere la terra sotto i piedi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane torna da Malta e risulta positivo al Covid, emigrato sabettese ricoverato a Malattie infettive

  • Coronavirus, in Sicilia altri 36 casi in 24 ore: 20 positivi nell'Agrigentino

  • "Cinquecento persone ammassate a ballare", blitz della polizia: chiuso locale

  • Da Covid-free a incubo contagi, 6 gli ammalati: tutti tornati da Malta, Romania, Belgio e Lombardia

  • Finisce la pensione e resta senza mangiare per 5 giorni: poliziotti fanno la spesa ad un anziano

  • Temporali in arrivo, diramata una nuova allerta meteo "gialla"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento