Caso "Sea Watch 3": l'Unhcr: "Aprite i porti", Salvini: "In Italia non si arriva"

Il ministro Toninelli: "Abbiamo portato sul suolo italiano le persone che si trovavano in difficoltà, quindi, in stato precario di salute. Significa che l'umanità e il senso di aiuto non vengono mai meno, ma dopo vengono anche la legalità e la sicurezza"

Mentre l'Unhcr e l'Oim lanciano un appello affinché "qualcuno apra i porti a queste persone", il ministro dell'Interno e vice premier, Matteo Salvini, in diretta Facebook, ribadisce il "no": "Un saluto all'equipaggio della 'Sea Watch' che delle leggi se ne frega ma in Italia non si arriva. Se ne fregano delle leggi e anche delle vite perché sono da giorni nel Mediterraneo: sarebbero arrivati in Tunisia o in Olanda, in Italia no".

Lampedusa solidale: "Dormiremo sul sagrato della chiesa"

Caso Sea Watch, la squadra mobile interroga i migranti autorizzati allo sbarco

"No" che, poco prima, era stato ribadito - mentre si trova a Palermo - anche dal ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli: "La Sea Watch aveva ricevuto da parte della guardia costiera libica il segnale di coordinamento delle operazioni. Purtroppo, hanno deciso di- voltarsi dall'altra parte e di andare a nord, verso l'Italia, cosa che per il diritto del mare non va bene e di conseguenza non possono approdare in Italia. Abbiamo portato sul suolo italiano le persone che si trovavano in difficoltà, quindi, in stato precario di salute - ha proseguito, secondo quanto riporta l'Ansa, il ministro Toninelli -. Significa che l'umanità e il senso di aiuto in Italia non vengono mai meno, ma dopo vengono anche la legalità e la sicurezza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Divieto di ingresso in acque italiane, il Tar respinge il ricorso della "Sea Watch 3"

"Quelle persone non dovevano e non potevano essere portate in Libia, perché non è un porto sicuro. La posizione legale dell'Unhcr e Oim è valida ed è importante tenerne conto. Facciamo un appello affinché qualcuno apra i porti a queste persone. Tra loro c'è anche un bambino da solo, che ha circa 12 anni. Sono fuggiti dalle torture e dagli abusi, e hanno bisogno di mettere i loro piedi a terra - ha dichiarato, secondo quanto riporta l'Ansa, Carlotta Sami, portavoce dell'Unhcr per il Sud Europa, a margine della presentazione del rapporto Global Trends 2018 a Roma - . "Chiudere i porti non aiuta a risolvere il problema, le persone sono nelle mani dei trafficanti, in Libia c'è la guerra. Occorre portare stabilità in quel paese, occorre evacuare legalmente le persone dai centri di detenzione e chiuderli" - ha aggiunto - . 

Lampedusa e immigrazione, il presidente del Consiglio Masia: "Basta alle Ong"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Gli cade il telefonino, torna indietro e non lo ritrova più: avviate indagini

  • Ritrovata al Villaggio Mosè la 15enne scomparsa da Palermo a metà giugno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento