Quasi come se fosse estate ... 16 sbarchi a Lampedusa e hotspot con 1.355 persone

Hanno preso il via le operazioni di imbarco degli ospiti della struttura d'accoglienza sulla nave quarantena Allegra. L'obiettivo è imbarcare 500 extracomunitari, tanti per quanti sono i posti disponibili per effettuare la sorveglianza sanitaria anti-Covid

Uno sbarco di tunisini

Giornata di sbarchi a Lampedusa dove si sono registrati, da poco prima della mezzanotte in poi, 16 approdi con un totale di oltre 800 migranti. L'hotspot di contrada Imbriacola, ad un certo punto, s'è trovato ad ospitare 1.355 persone.

Ore 19. Altri 4 sbarchi - arrivando a complessivi 16 approdi - si sono registrati portando a Lampedusa, ma non soltanto, altri 120 migranti. Un approdo, con 86 persone, s'è verificato anche a Linosa. Il gruppo, bloccato dai carabinieri, è stato però subito trasferito sulla più grande delle isole Pelagie. Nel tardo pomeriggio, hanno preso il via le operazioni di imbarco degli ospiti dell'hotspot sulla nave quarantena Allegra. Verosimilmente si proseguirà anche domani. L'obiettivo è del resto imbarcare 500 degli ospiti dell'hotspot, tanti per quanti sono i posti disponibili sulla nave dove dovranno effettuare la sorveglianza sanitaria anti-Covid. 

Ore 12. I barconi - non si tratta, in queste ore, di microscopiche imbarcazioni - continuano ad arrivare a Lampedusa dove, dalla notte ad ora, si è arrivati a ben 13 sbarchi. Un ritmo che sembra essere - decisamente fuori stagione - quello di luglio ed agosto. E Le condizioni del mare vengono date buone, molto buone, anche per i prossimi due o tre giorni. Con gli ultimi natanti soccorsi sono arrivati altri 267 migranti. Da stanotte, dunque, il numero delle persone sbarcate è arrivato a ben 727. E all'hotspot ci sono ben 1.263 immigrati. La "macchina" dei trasferimenti è già al lavoro e davanti l'isola di Lampedusa c'è la nave quarantena "Allegra" dove la Prefettura di Agrigento conta, nelle prossime ore, di imbarcare 500 persone, tanti per quanti sono i posti disponibili sulla nave che è vuota. Serve però del tempo perché occorre pre-identificare, fotosegnalare e sottoporre a tampone rapido anti-Covid tutti i migranti che dovranno salire. Solo con l'esito del test in mano si può procedere del resto alla pianificazione degli imbarchi o comunque degli spostamenti. Fra ieri e l'altro ieri, hanno lasciato l'hotspot 260 migranti che sono stati "caricati" sulla nave quarantena Suprema. Fra i 260 trasferiti soltanto una la persona positiva al Covid-19.        

Ore 11,21. Salgono a 460 i migranti arrivati a Lampedusa da poco prima della mezzanotte. Ci sono stati infatti altri due sbarchi. Un barcone di 10 metri, con a bordo 91 tunisini, è stato rintracciato a circa 2 miglia a Sud dall'isola. I migranti sono stati trasbordati sulla motovedetta della Capitaneria di porto e il natante è stato lasciato alla deriva. Mentre erano in corso queste operazioni, a Cala Pisana approdavano - in maniera indisturbata - 82 subsahariani che sono riusciti ad arrivare sulla terraferma con un gommone di 10 metri. I due gruppi, dopo un primo controllo della temperatura corporea, verranno portati all'hotspot di contrada Imbriacola dove si arriverà a 996 ospiti.

Quindici i barconi arrivati a Lampedusa, hotspot di nuovo strapieno

Ore 10. Da poco prima della mezzanotte e fino alle 6,30 si sono registrati sette approdi con un totale di 287 migranti. Nell'hotspot di contrada Imbriacola si trovano 823 persone. La prima imbarcazione è arrivata a molo Madonnina poco prima della mezzanotte. A soccorrerla a 2 miglia e mezzo da Lampedusa, una motovedetta della Capitaneria di porto. A bordo c'erano 78 persone di varie nazionalità. Esattamente un'ora dopo è arrivato, sempre soccorso a 7 miglia dal porto dalla Guardia costiera, un barchino con 15 tunisini. Prima delle 2,30, una motovedetta della Guardia di finanza ha intercettato a 4 miglia dalla costa un natante con a bordo 14 tunisini fra cui un minore. I carabinieri di Lampedusa, nel frattempo, rintracciavano - nei pressi di molo Madonnina - 16 tunisini fra cui un minore. L'imbarcazione utilizzata per la traversata in questo caso non è stata trovata. Alle 4 sono giunti 64 tunisini che erano a bordo di un'imbarcazione alla deriva e pochi minuti dopo altri 6 tunisini che erano stati trasbordati dai soccorritori. All'alba, una motovedetta della Guardia di finanza ha sbarcato - su molo Favarolo - 94 immigrati di diversa nazionalità. Erano stato soccorsi a 3 miglia a Sud di Lampedusa mentre si trovavano su un'imbarcazione di circa 10 metri che è stata posta sotto sequestro. Tutti sono stati portati, appunto, all'hotspot dove si è arrivati a 823 ospiti.  

Intanto continuano ad arrivare gli Sos. Cinque imbarcazioni, con circa 360 migranti a bordo, sono in difficoltà vicino Lampedusa. E' quanto denuncia Alarm Phone in un Tweet, spiegando che una barca ha 80 persone a bordo, un'altra 87 e un'altra ancora 65. In altri due natanti ci sono, rispettivamente, 67 e 65 persone alla deriva o che hanno perso l'orientamento. "Guardia Costiera soccorrete ora", l'appello lanciato dall'associazione.

(Aggiornato alle ore 19,10)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento