Strage di migranti a Lampedusa, Bartolo in aula: "I cadaveri erano accatastati sulla stiva"

Il medico, attuale europarlamentare, ricostruisce i tragici soccorsi: "E' stato terribile, avevano il cranio rotto"

Pietro Bartolo

“È stata una sensazione raccapricciante come poche altre volte mi è capitato di vivere, i cadaveri erano accatastati uno sopra l’altro nella stiva. C’erano dei ragazzi, è stato un orrore”: il medico Pietro Bartolo, ex responsabile del presidio ospedaliero di Lampedusa e attuale europarlamentare del Partito democratico, ha raccontato in aula, davanti alla Corte di assise di Agrigento, i tragici momenti dei soccorsi del barcone, approdato a Lampedusa il primo agosto del 2011, con venticinque migranti morti asfissiati nella stiva.

Dopo vari processi, con cinque condanne nei diversi stralci, è rimasto in piedi un solo procedimento a carico di Mohamed Moussa, somalo, 27 anni, già condannato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e accusato di omicidio volontario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Hanno aperto la stiva ed era piena di cadaveri. I cadaveri erano ovunque, accatastati uno sopra l’altro ed era già iniziato il processo di decomposizione”, ha detto Bartolo. Rivelando che l’asfissia sarebbe stata solo l’ultima causa della morte, i poveri migranti prigionieri, che secondo il racconto dei sopravvissuti avrebbero provato a ribellarsi e uscire all’esterno della stiva, sarebbero stati brutalmente picchiati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in viale Emporium, auto contro scooter: quattro feriti e un morto

  • Accusa un malore e si accascia, tragedia in città: muore un 35enne

  • La pistola illegale carica trovata nel negozio di Pelonero, tre indagati

  • Coronavirus, l'incubo non è finito: donna positiva al tampone

  • Il Coronavirus spaventa ancora, Musumeci e Razza: "Se contagi salgono si chiude"

  • Migranti si scagliano contro i carabinieri, Carmina: "Solidale con l'Arma, servono strutture adatte"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento