Domenica, 14 Luglio 2024
La crisi perdurante / Lampedusa e Linosa

L'inferno di Lampedusa: 46 sbarchi in poche ore e 13 migranti trovati in acqua, salvati appena in tempo

Sono 450 i migranti che, in serata, hanno lasciato l'hotspot: trasferiti a Porto Empedocle e Pozzallo. Nella struttura di primissima accoglienza restano, dopo i nuovi approdi, 2.768 extracomunitari

Ore 23.30.  Altri 250 migranti sono sbarcati a Lampedusa. Sei i barchini - con a bordo 48, 45, 44, 40, 39 e 34 persone - soccorsi in area Sar dalla Capitaneria di porto e nelle acque antistanti l'isola dai militari della Guardia di finanza. Salgono a 46 gli sbarchi di oggi con un totale di 2.033 persone. Anche i nuovi approdati sono stati portati all'hotspot di contrada Imbriacola. 

Ore 22. Sono arrivati al molo Favarolo anche i 41 migranti che viaggiavano sula stessa barca di ferro dei 13 recuperati in acqua, a poca distanza dalla costa di Lampedusa, dalla motovedetta della Guardia di finanza. Sul barchino, partito da Sfax in Tunisia, erano complessivamente 54 persone. Non è chiaro per quale motivo i 13 siano finiti in mare. Verranno ascoltati dai poliziotti della Squadra Mobile, che 365 giorni l'anno sono presenti all'hotspot, per cercare di ricostruire cosa sia effettivamente accaduto.   

Ore 19,50. Sono 450 i migranti che hanno lasciato l'hotspot di Lampedusa. Dopo il trasferimento della tarda mattinata di 249 con il traghetto di linea che è già giunto a Porto Empedocle, la Prefettura di Agrigento, d'intesa con il Viminale, ha fatto accompagnare alla polizia 150 migranti, non fotosegnalati, che stanno per essere imbarcati su una motovedetta delle Fiamme gialle che farà rotta verso Pozzallo. Altri 250 invece stanno per iniziare a salire sul traghetto di linea Cossydra che giungerà all'alba di domani a Porto Empedocle, mentre altri 50, con una motovedetta della Guardia di finanza, verranno portati sempre a Porto Empedocle. Prima di questi trasferimenti, nella struttura d'accoglienza di contrada Imbriacola c'erano 2.911 ospiti. Adesso, dopo i nuovi arrivi, ci sono invece 2.768 migranti.  

Ore 19. Otto sbarchi, con complessivi 341 migranti, si sono verificati nell'arco di neanche un'ora a Lampedusa. Salgono a 39, senza conteggiare al momento i 13 extracomunitari soccorsi in acqua, gli approdi registratisi dalla mezzanotte, con un totale di 1.729 persone. E' l'inferno sulla più grande delle isole Pelagie dove Guardia di finanza e Capitaneria di porto continuano a fare avanti e indietro da molo Favarolo. Negli ultimi natanti agganciati e soccorsi c'erano: 27, 52, 46, 42, 47, 45, 42 e 38 extracomunitari, tutti salpati da Sfax in Tunisia. 

Ore 18,15. Tredici migranti sono stati salvati, nelle acque antistanti a Lampedusa, dai militari della Guardia di finanza. Erano in acqua e rischiavano di colare a picco quando i finanzieri li hanno avvistati e issati a bordo della motovedetta V1102. I 13, temendo che avessero bisogno di soccorsi sanitari e cure, sono stati subito portati a molo Favarolo. Viaggiavano assieme ad altri 40 migranti che erano però ancora sul barchino e che sono stati soccorsi da un'altra motovedetta delle Fiamme gialle. Il gruppo verrà ricongiunto direttamente all'hotspot di contrada Imbriacola. I 13 vengono sottoposti a controlli medici, ma a quanto pare non vi sarebbero emergenze. 

Ore 16. Ancora sbarchi a Lampedusa dove sono sbarcati altri 246 migranti. A soccorrere barchini e gommoni, complessivamente 6, sui quali viaggiavano sono state le motovedette della Guardia di finanza e della Capitaneria di porto. Salgono a 31, con un totale di 1.388 persone, gli approdi a partire dalla mezzanotte. Negli ultimi natanti bloccati, tutti salpati da Sfax in Tunisia, c'erano da un minimo di 25 fino ad un massimo di 50 persone. Anche i nuovi sbarcati, dopo un primo triage sanitario a molo Favarolo, sono stati portati all'hotspot di contrada Imbriacola dove gli ospiti sono saliti a 2.833. 

Ore 13. Altri 168 migranti, dopo che le 4 imbarcazioni con le quali facevano rotta verso Lampedusa sono state bloccate dalle motovedette della Guardia di finanza, sono sbarcati a molo Favarolo. Salgono a 25, a partire da mezzanotte, gli approdi sulla più grande delle isole Pelagie dove sono giunti 1.142 migranti. I quattro diversi gruppi, composti da 27 persone, 88 (11 donne), 41 (9 donne e 2 minori) e 12, hanno riferito d'essere partiti da Sfax in Tunisia e da Zuwara in Libia. Tutti, dopo un primo triage sanitario, sono stati portati all'hotspot di contrada Imbriacola dove sono presenti 2.587 persone. 

Migranti lasciano hotspot Lampedusa con il traghetto per Porto Empedocle

In tarda mattinata, 249 sono stati imbarcati sul traghetto di linea Galaxy che sta facendo rotta verso Porto Empedocle. Per il primo pomeriggio, con una motovedetta delle Fiamme gialle che si dirigerà verso Pozzallo, è stato disposto un ulteriore spostamento di 150 ospiti della struttura di primissima accoglienza.

Ore 10. Ancora sbarchi direttamente sulla terraferma di Lampedusa. Sono 44 i migranti che sono stati bloccati dai carabinieri mentre erano in cammino lungo la strada di Ponente, all'altezza della Tabaccara. Il gruppo dovrebbe essere sbarcato nei pressi di Cala Galera e, a quanto pare, due persone sarebbero rimaste nei pressi della costa. Sono in corso le ricerche sia dei due ipotetici migranti rimasti a Cala Galera che dell'imbarcazione usata per la traversata iniziata da Sfax. Già durante la notte si erano verificati tre sbarchi autonomi fra molo Madonnina e Cala Francese. Con questo approdo salgono a 21 gli sbarchi a partire dalla mezzanotte.

Ore 9. Altri 234 migranti, che viaggiavano su 6 barchini, sono stati soccorsi dalle motovedette Cp305 della Guardia costiera e V7007 della Guardia di finanza, fra l'area Sar italiana e le acque antistanti a Lampedusa. A bordo dei natanti: 29, 46, 39, 41, 31 e 48 persone tutte partite da Sfax in Tunisia. Salgono a 20, a partire dalla mezzanotte, gli approdi sulla più grande delle isole Pelagie dove, al momento, sono giunte 930 persone. Ma ci sono ulteriori avvistamenti e altre "carrette" che sono state già agganciate.  

Ore 7,30. Sono 696 i migranti sbarcati durante la notte a Lampedusa. Quattordici, con un minimo di 27 persone e un massimo di 133, i barchini che sono stati agganciati o soccorsi nelle acque antistanti all'isola o in area Sar. Ieri, sull'isola, con 26 diverse carrette erano giunti invece 1.292 migranti. All'hotspot di contrada Imbriacola, nonostante la raffica di trasferimenti disposti dalla Prefettura di Agrigento, all'alba, c'erano 2.069 ospiti. Per la tarda mattinata, la polizia scorterà fino al porto 183 migranti che verranno imbarcati sul traghetto Cossydra che farà rotta verso Porto Empedocle. E per la serata, con la motonave di linea Galaxy, è stato disposto un ulteriore spostamento di 200 persone. 

Dieci dei 14 barchini bloccati durante la notte al largo di Lampedusa sono salpati da Sfax in Tunisia dove hanno pagato da 1.200 ad un massimo di 2.500 dinari tunisini a testa per la traversata. Una barca di legno di 6 metri, con a bordo 27 tunisini, fra cui 3 donne, è invece partita da Kerkenna, sempre in Tunisia, e il viaggio è stato molto più caro: 7 mila dinari tunisini a testa. Le altre tre carrette, con a bordo 56, 133 e 60 bengalesi, marocchini, somali, egiziani, eritrei, sudanesi, marocchini, pakistani, siriani e ghanesi, sono invece partite da Zuara , Sabratha e Karabolli, in Libia, pagando da 3.500 a 4.500 dollari e 12mila dinari libici a testa. I tre natanti libici sono riusciti ad arrivare direttamente sulla terraferma di Lampedusa: quello con 56 migranti è giunto a molo Madonnina e i due, con 133 e 60, a Cala Francese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'inferno di Lampedusa: 46 sbarchi in poche ore e 13 migranti trovati in acqua, salvati appena in tempo
AgrigentoNotizie è in caricamento