Cronaca Lampedusa e Linosa

Diciotto sbarchi da mezzanotte: arrivati 608 migranti, hotspot al collasso con 921 ospiti

Durante le fasi di trasbordo del quindicesimo barchino, un uomo e una donna sono caduti in mare e sono stati subito ripescati dalla Guardia di finanza. Sono 250 i migranti che stanno per lasciare la struttura di prima accoglienza per essere imbarcati sulla nave quarantena Atlas

Ore 16,30. Sono 250 i migranti, ospiti dell'hotspot, che stanno per lasciare la struttura di prima accoglienza per essere imbarcati sulla nave quarantena Atlas che è attraccata a Cala Pisana. A disporre il trasferimento è stata la Prefettura di Agrigento, d'intesa con il Viminale. All'hotspot, sempre se non vi saranno nuovi sbarchi, dovrebbero rimanere 671 migranti, a fronte dei 250 posti disponibili. 

Per domattina è già previsto, con il traghetto di linea Sansovino con destinazione Porto Empedocle, l'ulteriore trasferimento di altre 110 persone.

Ore 13,40. Altri 125 migranti, su due diversi barconi, sono sbarcati a molo Favarolo di Lampedusa. Salgono a 18 gli approdi che si sono registrati a partire dalla mezzanotte, con un totale di 608 persone, sulla più grande delle isole Pelagie. Sulle ultime due "carrette del mare", partite verosimilmente da Djerba in Tunisia, c'erano 65 e 60 persone. Ad intercettare e bloccare i natanti, nelle acque antistanti alla costa, sono state le motovedette della Guardia di finanza e della Capitaneria di porto. All'hotspot di contrada Imbriacola gli ospiti presenti sono arrivati a 921, a fronte dei 250 posti disponibili. 

Ore 12,04. Un barchino, il sedicesimo, è stato soccorso dalla motovedetta V7007 della guardia di finanza. A bordo, dieci tunisini che sono appena sbarcati al molo Favarolo di Lampedusa Anche loro, dopo un primo controllo sanitario, verranno trasferiti all'hotspot di contrada Imbriacola.

Ore 11,10. Un uomo e una donna sono caduti in mare durante le fasi di trasbordo e subito ripescati. Soccorso assai difficoltoso quello del quindicesimo barchino, di 4 metri, intercettato, nelle acque antistanti Lampedusa, da una motovedetta della Guardia di finanza. Nel gruppo, partito da Monastir in Tunisia, anche 2 donne e 4 minori non accompagnati. Anche loro sono stati portati all'hotspot di contrada Imbriacola dove gli ospiti presenti sono 786. In poco più di 24 ore, a Lampedusa, con una raffica di barchini, sono giunti 606 migranti.

Ore 9,30. Sono circa 400 i migranti arrivati fra stanotte e stamattina a Lampedusa con 14 barchini, alcuni dei quali sono riusciti ad approdare direttamente sulla terraferma. Quindici tunisini, fra cui una donna e 4 minori, sono stati bloccati dai finanzieri a molo Madonnina. Gli ultimi, in ordine di tempo, a sbarcare a molo Favarolo sono stati 82 provenienti da Bangladesh, Sudan ed Egitto. Il gruppo - partito due giorni fa da Zuwara, in Libia - è stato rintracciato e soccorso dalla motovedetta Cp 319 della Guardia costiera. I barchini giunti a Lampedusa avevano a bordo da un minimo di 15 ad un massimo di 95 persone. Tutti, dopo un primo triage sanitario effettuato direttamente in banchina, sono stati trasferiti all'hotspot di contrada Imbriacola dove sono presenti 776 persone. All'alba di ieri, dopo una raffica di trasferimenti, ce n'erano invece 180.

Dopo il barchino con 13 tunisini e una pecora è raffica di sbarchi: bloccati 9 natanti con 267 persone

La nave quarantena Atlas è ormeggiata a Cala Pisana e ha 440 posti disponibili, mentre in rada di Lampedusa c'è ancora la "Allegra". Servirà il tempo affinché i migranti, ospiti dell'hotspot, vengano sottoposti al tampone rapido per la diagnosi del Covid-19 e affinché vengano pre-identificati e - su disposizione della Prefettura di Agrigento e del Viminale - inizieranno i nuovi trasferimenti e imbarchi sulle navi quarantena.

(Aggiornato alle ore 16,30)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diciotto sbarchi da mezzanotte: arrivati 608 migranti, hotspot al collasso con 921 ospiti

AgrigentoNotizie è in caricamento