Tempi duri per i cacciatori: i giudici confermano il calendario con tutte le restrizioni

L'associazione aveva presentato un ricorso per chiedere l'annullamento, restano in vigore i limiti temporali e territoriali

Il ricorso è in parte irricevibile e in parte inammissibile. I giudici della seconda sezione del Tar Sicilia di Palermo hanno confermato il calendario venatorio dell'arcipelago delle isole Pelagie con le relative limitazioni temporali e territoriali che erano state contestate dall'associazione Cacciatori di Lampedusa e Linosa.

In particolare veniva contestato il limite, nel territorio esterno alla zona protetta speciale di potere cacciare "dal 2 al 30 gennaio 2020 esclusivamente nei giorni di sabato e domenica". E poi ancora il "divieto assoluto di caccia nell’isola di Linosa a tutte le specie legalmente cacciabili, ad eccezione del coniglio selvatico". Nella zona interna alla Zona protetta speciale è consentita la caccia "solo fino al 9 gennaio 2020, anziché il 30 gennaio 2020". E poi ancora il divieto di prelievo venatorio della beccaccia (Scolopax rusticola), della quaglia (Coturnux coturnix), del tordo bottaccio (Turdus philomelos) e del tordo sassello (Turdus iliacus).

Ulteriori restrizioni, fra le altre, sono relative all'accesso all'interno di un sito, dove è possibile entrare in un numero massimo di cinque cacciatori, alla sospensione dalla caccia nell'intero sito, per il resto della stagione, al divieto "assoluto e definitivo di caccia all’interno di aree non protette, seppur ricadenti all’interno del sito euro comunitario ITA040013". 

Troppo, secondo l'associazione dei cacciatori, che si è rivolta al Tar, attraverso l'avvocato Giovanni Di Giunta, per chiedere l'annullamento dei relativi decreti della Regione siciliana. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il Collegio rileva - scrivono i giudici - che le previsioni di cui si chiede l’annullamento non hanno formato oggetto di specifiche censure, con la conseguente inammissibilità della loro impugnazione". Per queste e per altre ragioni, il Tar ha bocciato l'intero ricorso confermando in blocco i provvedimenti della Regione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Passeggero della Tua positivo al Covid 19, l'Asp: "Chi ha viaggiato su questo bus ci contatti immediatamente"

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: 8 gli agrigentini contagiati

  • Nuova "bomba" d'acqua sull'Agrigentino: strade e ristoranti allagati, albero su auto

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): 6 per Agrigento, arrivano i primi tamponi rapidi

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento