rotate-mobile
L'appello / Lampedusa e Linosa

Relitti di barche usate dai migranti: pescatori chiedono incontro a Piantedosi

L'ex sindaco, attuale presidente del Cogepa, Totò Martello: "Ci auguriamo che il ministro dell'Interno non resti indifferente"

"Tra i diversi aspetti legati all'accoglienza umanitaria a Lampedusa c'è quello dell'abbandono in mare delle imbarcazioni dei migranti dopo le operazioni di salvataggio a largo della costa. Chiediamo al ministro Piantedosi, nel corso della sua visita sull'isola, di incontrare una delegazione di pescatori lampedusani". Lo dice Totò Martello, presidente del Cogepa (Consorzio di gestione della pesca artigianale) di Lampedusa e Linosa, a proposto della visita del ministro dell'Interno Matteo Piantedosi sull'isola prevista domani.

"Sono centinaia le barche che restano per giorni semi-affondate in mare - aggiunge Martello - causando rischi anche gravi ai pescherecci, e quando poi affondano creano danni ambientali ed ulteriori danni ai pescatori, impigliandosi nelle reti e nelle attrezzature da pesca. Una corretta gestione dell'accoglienza umanitaria deve tenere conto anche di questi aspetti per tutelare la nostra marineria e l'ambiente marino. Ci auguriamo - conclude l'ex sindaco - che il ministro Piantedosi non resti indifferente alla richiesta di incontro da parte dei rappresentanti dei pescatori e degli armatori delle Pelagie".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Relitti di barche usate dai migranti: pescatori chiedono incontro a Piantedosi

AgrigentoNotizie è in caricamento