Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Mare troppo mosso, salta l'immersione dei sub per recuperare la salma

Ieri, il robot della Guardia costiera di Messina aveva avvistato il cadavere di Francesco Solina, il pescatore di 51 anni considerato disperso per 9 giorni

Una motovedetta della Guardia costiera e Francesco Solina

Non ce l'hanno fatta. Il mare troppo agitato non ha permesso l'immersione delle due squadre di sub della Guardia costiera di Messina e Cagliari. L'immersione era prevista per oggi, dopo che ieri il "rov" - il robot della Guardia costiera di Messina - aveva avvistato il cadavere di Francesco Solina, il pescatore di 51 anni di Lampedusa, di cui non si avevano più notizie dalla notte del naufragio del peschereccio "Giacomo Maria". 

LEGGI ANCHE: Il "rov" avvista il cadavere del pescatore disperso

Secondo le video-riprese del robot, Solina è rimasto incastrato in prossimità di uno dei portelloni, all'altezza del verricello, ossia dove si trovava nel momento in cui la barca è affondata. 

LEGGI ANCHE: Il peschereccio affonda, salvi tre membri dell'equipaggio 

Le squadre dei sommozzatori resteranno comunque operativi, a Lampedusa. E non appena le condizioni del mare - che hanno già complicato l'immersione del "rov" e dunque l'avvistamento del cadavere - lo permetteranno tenteranno l'immersione per cercare di disincagliare la salma. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mare troppo mosso, salta l'immersione dei sub per recuperare la salma

AgrigentoNotizie è in caricamento