menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maxi giro di spaccio a Lampedusa, falsa partenza al processo "Cartago"

Alcune notifiche non sono andate in porto, cambia il magistrato che giudicherà i tredici imputati

Cinque mesi e mezzo dopo i rinvii a giudizio, non parte il processo, a carico di tredici imputati, scaturito dalla maxi operazione “Carthago”. L’inchiesta ha disarticolato un vasto giro di droga che - sostiene l’accusa - riforniva decine di clienti di Lampedusa. Non tutte le notifiche sono andate in porto, di conseguenza il dibattimento non è stato ancora aperto. Il procedimento, intanto, inizialmente assegnato al giudice Gianfranca Claudia Infantino, sarà trattato dal collega Alfonso Pinto per effetto di alcuni avvicendamenti dagli uffici penale e civile e viceversa. 

Fra gli acquirenti, secondo quanto ipotizzano gli inquirenti, c'era anche un pilota di aereo che fumava hashish prima di mettersi alla guida del mezzo che trasporta quasi 200 persone sui cieli. Il giudice dell’udienza preliminare Luisa Turco, lo scorso aprile, ha accolto pressochè interamente le richieste del pubblico ministero Antonella Pandolfi, titolare dell’inchiesta, e ha disposto il rinvio a giudizio di quasi tutti gli imputati. Per uno solo, Antonino Colapinto, 30 anni, era stato deciso il non doversi procedere perché, nel corso dell’udienza preliminare, è stato provato che l’imputato è stato già giudicato per gli stessi fatti. Gli imputati, nei cui confronti è stato disposto il rinvio a giudizio, sono: Giambattista D'Amore, detto Marco, 31 anni; Giacomo Greco, 55 anni; Francesco Costanza, 28 anni; Veronica Elia, 34 anni; Federico Sparma, 39 anni; Pasquale Pucillo, 32 anni; Francesco Colapinto, 35 anni; Ignazio Fazio, 41 anni; Domenico De Battista, 26 anni; Pietro Capraro, 29 anni; Nicola Costa, 34 anni, Salvatore Taranto, 29 anni e Davide Garito, 39 anni.

Gli imputati hanno nominato come difensori, fra gli altri, gli avvocati Valentina D'Azzò, Maurizio Cassaro, Calogero Meli, Basilio Vella, Silvio Miceli e Gaetano Gucciardo. Nessuno di loro ha chiesto il giudizio abbreviato.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento