rotate-mobile
Tensioni / Lampedusa e Linosa

Controlli della polizia a Lampedusa e giornalisti minacciati e aggrediti, il questore: "Andiamo avanti con la prevenzione"

Nei giorni scorsi sono scattate decine di contravvenzioni per auto non revisionate e prive di assicurazione, ma anche per guida senza patente

"I controlli sui luoghi di vacanza sono disposti centralmente con l'obiettivo di garantire la sicurezza dei cittadini e dei turisti, specie in quelle realtà dopo la polizia municipale non è ben strutturata. E sono disposti venendo incontro a precise richieste dei sindaci che sono autorità locali pubblica sicurezza. Non drammatizzerei per i comportamenti di pochi sconsiderati che lungi dal risultare utili ci spingono con più determinazione a proseguire la nostra attività di prevenzione".

Lo ha detto il questore di Agrigento, Emanuele Ricifari, commentando il malcontento di alcuni lampedusani dopo che i poliziotti della sezione Volanti, in due giorni, hanno, sulla più grande delle isole Pelagie, elevato decine e decine di contravvenzioni per auto non revisionate e prive di assicurazione, ma anche per guida senza patente.

Rabbia che è esplosa ieri sera quando, nei pressi di molo Favarolo dove stavano documentando gli ultimi sbarchi di migranti, è stata aggredita e minacciata una troupe di Rai1. I giornalisti sono stati accusati di parlare sempre di immigrazione pregiudicando il turismo e determinando la "militarizzazione" dell'isola che s'è tradotta nel ripristino delle regole del codice della strada.

I carabinieri della stazione di Lampedusa, intervenuti sul posto al momento dell'aggressione alla troupe di giornalisti, ha informato dell'accaduto la Procura di Agrigento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli della polizia a Lampedusa e giornalisti minacciati e aggrediti, il questore: "Andiamo avanti con la prevenzione"

AgrigentoNotizie è in caricamento