Lunedì, 15 Luglio 2024
L'operazione / Lampedusa e Linosa

Nuovo caso di pirateria contro i migranti: fermati sei tunisini per furti di soldi e motore

Si tratta dei componenti dell'equipaggio del peschereccio Zohra del compartimento di Monastir: sono accusati di avere assaltato un barchino in ferro

Sei tunisini sono stati sottoposti a fermo di indiziato di delitto per l'ipotesi di reato di pirateria ai danni dei migranti. L'operazione è stata condotta dai poliziotti della squadra mobile di Agrigento assieme ai militari della Guardia di finanza e della Guardia costiera.

Pirateria contro i migranti, 4 fermi

Si tratta dei componenti dell’equipaggio del peschereccio Zohra del compartimento di Monastir che ieri, secondo l'accusa, hanno rubato il motore da un barchino di ferro, con 49 migranti a bordo, nonché il denaro di cui erano in possesso i migranti.

Il peschereccio tunisino è stato sequestrato ed è ancorato, al momento, a Lampedusa. I sei fermati, di età compresa fra i 52 a 30 anni, sono stati trasferiti, con la motovedetta della Capitaneria, a Porto Empedocle e sono stati già portati al carcere di Agrigento. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo caso di pirateria contro i migranti: fermati sei tunisini per furti di soldi e motore
AgrigentoNotizie è in caricamento