"Presero a calci poliziotto spappolandogli la milza", chieste due condanne

Il pubblico ministero Sara Varazi propone 6 anni e 6 mesi di carcere per Domenico De Battista e Agostino Famularo, entrambi di 23 anni, accusati di lesioni personali gravissime

"Non ci sono dubbi sulla responsabilità degli imputati, tutti i testimoni descrivono la stessa scena e non è credibile che si siano messi d'accordo anche perché emerge la loro sincerità nell'omettere alcuni dettagli che non ricordano". Il pubblico ministero Sara Varazi non ha dubbi: Domenico De Battista e Agostino Famularo, entrambi di 23 anni, di Lampedusa, hanno aggredito selvaggiamente un poliziotto all'uscita di un locale nell'isola e per poco non lo hanno ucciso visto che l'agente, all'indomani, si accorse di avere la milza rotta e subì un delicatissimo intervento chirurgico.

Sei anni e sei mesi di reclusione è la pena proposta dal magistrato della Procura secondo cui i due giovani sono responsabili di lesioni personali gravissime. Il brutale pestaggio è avvenuto il 18 settembre del 2011, all'uscita di un locale di Cala Pisana, a Lampedusa, dove il poliziotto si trovava insieme ad alcuni colleghi "per una serata di svago", come ha raccontato lui stesso. All'identificazione dei due imputati, difesi dall'avvocato Arnaldo Faro, si è arrivati grazie alla testimonianza di un inserviente del locale. L'agente, che si è costituito parte civile con l'assistenza dell'avvocato Emanuele Dalli Cardillo, si accorse solo l’indomani della gravità delle lesioni che aveva subito.

Le arringhe della parte civile e della difesa sono in programma il 3 ottobre. Subito dopo i giudici della prima sezione entreranno in camera di consiglio ed emetteranno la sentenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • Notte di fuoco fra Palma e Licata: distrutte le auto di insegnante e agricoltore

  • Sorpresa in un'osteria di Realmonte, arriva Giancarlo Giannini

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento