Pesca illegale, bloccato peschereccio tunisino: denunciato il comandante

Sequestrata l’attrezzatura: una rete a circuizione di notevoli dimensioni (rete di lunghezza pari a circa 1700 metri e altezza 200 metri) dall’ingente valore economico

Il peschereccio tunisino intercettato a largo di Lampione

Un peschereccio tunisino è stato fermato, dalla Guardia costiera, a 10 miglia dall'isolotto di Lampione. Il comandante è stato denunciato alla Procura di Agrigento per attività di pesca all’interno delle acque territoriali di un altro Stato. Sequestrata l’attrezzatura da pesca: una rete a circuizione di notevoli dimensioni (rete di lunghezza pari a circa 1700 metri e altezza 200 metri) dall’ingente valore economico.

Ad accorgersi del peschereccio, ieri sera, è stato un aereo in pattugliamento nell’ambito della Joint Operation Themis, coordinata dall’agenzia Frontex (European Border and Coast Guard Agency). Subito è intervenuta la motovedetta della Guardia costiera di Lampedusa che ha scortato il natante della marineria di Monastir fino al porto della più grande delle isole Pelagie.

Sono in corso accertamenti anche su un altro motopesca tunisino del quale è stata acquisita la documentazione.

L’attività di contrasto alla pesca illegale perpetrata da motopesca extra-UE nelle acque territoriali italiane risulta di fondamentale importanza al fine di tutelare gli interessi marittimi nazionali e garantire lo sfruttamento sostenibile delle risorse ittiche dei nostri mari. La Guardia costiera di Lampedusa continuerà a svolgere un’attenta attività di monitoraggio delle acque di giurisdizione al fine di scoraggiare comportamenti in violazione delle norme vigenti in materia di pesca marittima, assicurando la tutela dell’ambiente marino e costiero e delle aree marine protette, oltre che garantire la sicurezza della navigazione.

peschereccio tunisino intercettato lampione2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

  • Covid-19, il virus torna a tenere sotto scacco Canicattì: un morto e 35 nuovi positivi

  • Scoperto stabilimento dolciario abusivo, sequestrati generi alimentari scaduti e mal conservati: un arresto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento