rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Cronaca Lampedusa e Linosa

"Occuparono la spiaggia con gli ombrelloni", 11 titolari di stabilimenti dal giudice

L'udienza è stata subito rinviata per un difetto nelle notifiche ma gli imputati hanno fatto sapere che pagheranno l'oblazione

Pagheranno l'oblazione ed estingueranno il reato. Gli undici titolari di stabilimento di Lampedusa, finiti a processo con l'accusa di avere arbitrariamente occupato la spiaggia con ombrelloni e lettini, hanno fatto sapere attraverso i loro difensori (fra gli altri, gli avvocati Gianfranco Pilato, Giuseppe Lentini, Luigi Troja e Gaetano Gucciardo) che pagheranno la sanzione pecuniaria di 265 euro che farà estinguere il reato.

Gli imputati sono: Calogero Maggiore, 52 anni; Antonio Eugenio D’Aietti, 34 anni; Carmela Maggiore, 41 anni; Giambattista Fabio Teresa, 36 anni; Salvatore Di Malta, 43 anni; Mircea Ionut Hotju, 35 anni, Francesco Cucina, 46 anni; Alfredo Mancino, 41 anni; Alfredo Cardella, 47 anni; Gaspare Natoli, 48 anni; e Giovanni Tuccio, 28 anni.

Sono accusati di avere occupato numerose spiagge del litorale lampedusano con ombrelloni, lettini e altre attrezzature che sarebbero state destinate al noleggio in assenza delle relative autorizzazioni. Il processo scaturisce da un blitz, eseguito il 27 agosto del 2014, da una task force di polizia, Guardia di Finanza, vigili urbani e Forestale. 

Nei mesi scorsi il pubblico ministero ha disposto la citazione diretta a giudizio e questa mattina doveva iniziare il processo davanti al giudice Luisa Turco. Non tutte le notifiche, però, sono andate in porto e il processo è stato rinviato al 2 ottobre. Nel frattempo gli imputati hanno fatto sapere che il processo non ci sarà neppure perchè pagheranno un'oblazione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Occuparono la spiaggia con gli ombrelloni", 11 titolari di stabilimenti dal giudice

AgrigentoNotizie è in caricamento