Notti sul sagrato delle chiese per i migranti, don Carmelo: "Fate lo stesso anche voi"

Matteo Salvini ribadisce il secco "no" allo sbarco: ""La Sea Watch è una Ong che se ne frega delle leggi e che fa traffico di esseri umani"

Don Carmelo La Magra, parroco della chiesa di San Gerlando

Don Carmelo La Magra non ha dubbi: "Continueremo a dormire sul sagrato della chiesa finché non sarà consentito ai migranti della 'Sea Watch3' di scendere a terra, in un porto sicuro". Anche lui - raccogliendo l'appello degli attivisti di Forum Solidale Lampedusa - è rimasto a dormire sul sagrato della parrocchia di San Gerlando. Il nostro è un semplice gesto di solidarietà nei confronti di persone che stanno soffrendo inutilmente - ha aggiunto il parroco - . Mettiamo simbolicamente in gioco i nostri copri nel tentativo di dare visibilità e voce agli ultimi della terra, nostri fratelli e sorelle, nostri simili".

"Fate sbarcare i migranti della Sea Watch", prima notte sul sagrato della chiesa di Lampedusa

Gli appelli si susseguono

"Chiediamo a quanti condividono il nostro messaggio di organizzare iniziative analoghe" - dice don Carmelo -. Anche il neo deputato europeo, medico di Lampedusa: Pietro Bartolo, ha lanciato un appello: "Basta, fateli scenderee! Nella 'Giornata mondiale del rifugiato si sprecheranno parole a favore dei migranti, mentre 43 persone restano  bloccate a bordo della Sea Watch. Segno di una becera propaganda, consumata ancora una volta sulla pelle della gente".

Sono trascorsi 8 giorni da quando la "Sea Watch 3" è bloccata con il suo carico di esseri umani. "Dobbiamo sbarcare queste persone in un porto sicuro, il 
prima possibile - ha detto Carola Rakete, il comandante della Sea Watch 3 in un video-appello pubblicato su twitter - . Sono qui di fronte a Lampedusa da venerdì 14 giugno, attualmente con 43 persone salvate a bordo. Ne abbiamo salvate 53 il 12 giugno di cui 10 sono state fatte sbarcare dalle autorità italiane per motivi di salute - ha ricordato il capitano -. Nonostante ciò il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha emanato un nuovo decreto legge che ci impedisce di entrare nelle acque territoriali in contrasto con la legge del mare".

Il ministro dell'Interno ribadisce il secco "no"

"La Sea Watch è una ong che se ne frega delle leggi e che fa traffico di esseri umani. Io il permesso di attracco a un porto italiano a una nave olandese, di un'associazione tedesca, che per la terza volta non rispetta le indicazioni della Gdf, della Marina Militare, delle Capitanerie di porto, che parte dalla Libia per arrivare in Italia e fare traffico di esseri umani, non la darò mai". Lo ha detto, secondo quanto riporta l'Adnkronos, il vice presidente del Consiglio e ministro dell'Interno Matteo Salvini, ospite a "Radio Anchi'io" su Radio Raiuno,  ribadendo che non darà "l'autorizzazione allo sbarco".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento