Domenica, 14 Luglio 2024
Cronaca Lampedusa e Linosa

Senza stipendio da tre mesi, proclamato lo sciopero dei netturbini

Un tavolo di raffreddamento in Prefettura c'è già stato, ma non ha portato ad alcuna soluzione

Sabato prossimo, 28 aprile, gli operatori ecologici della Rti: Iseda, Seap e Sea in servizio a Lampedusa incroceranno le braccia. Lo ha annunciato Aldo Mucci della Usb Sicilia. "Da molti anni, i dipendenti operatori ecologici della Rti, operanti a Lampedusa e Linosa, subiscono ritardi nei pagamenti degli stipendi. Allo stato attuale - scrive Mucci - non sono state retribuite le mensilità di gennaio, febbraio e marzo. Lo scorso 29 marzo, dopo una affollata e drammatica assemblea con la partecipazione dei familiari, la sigla sindacale ha ricevuto il mandato dai lavoratori dipendenti della Rti di proclamare lo stato di agitazione". 

"Il Comune, a quanto scrive Rti Iseda Seap Sea, non provvede ad erogare le somme relative ai servizi svolti - prosegue la ricostruzione del sindacalista Aldo Mucci - . Il raggruppamento precisa che è creditore nei confronti del Comune dei mesi di dicembre 2017, gennaio e febbraio 2018. Dai recenti comunicati del Comune di Lampedusa pervenuti a codesto sindacato, si evince che i ritardi (cronici) - continua Mucci - sono dovuti ai notevoli ritardi dei rimborsi erogati della Regione Siciliana. E tutto ciò determina una pesante anticipazione per le casse del Comune". 

Mucci ha chiesto l'apertura di un tavolo istituzionale urgente alla Prefettura con la presenza della Rti e dell'amministrazione comunale. E un tavolo di raffreddamento c'è già stato. Ma non è arrivato a nulla. Ecco perché dunque è stato proclamato per sabato, 28 aprile, lo sciopero dei netturbini". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Senza stipendio da tre mesi, proclamato lo sciopero dei netturbini
AgrigentoNotizie è in caricamento