La nave "Alan Kurdi" non entra in acque territoriali italiane

L'imbarcazione della Ong è rimasta praticamente al confine, a circa 15 miglia da Lampedusa. Il mare è però in burrasca e soffiano forti raffiche di vento

(foto ARCHIVIO)

Non è entrata nelle acque territoriali italiane. La nave "Alan Kurdi" della Ong Sea Eye sta rispettando il divieto del Viminale. Da stanotte, dopo che è arrivata al confine con le acque territoriali italiane, la nave - con a bordo 64 migranti soccorsi in acque libiche - fa avanti e indietro, senza mai varcare le acque 
territoriali. Il mare è però in burrasca e ci sono forti raffiche di vento - soprattutto a 15 miglia dalla costa di Lampedusa - e non è escluso, secondo quanto riporta l'Adnkronos, che il comandante della "Alan Kurdi" possa chiedere alle autorità italiane di potersi riparare sottocosta a Sud di Lampedusa.

La nave Ong "Alan Kurdi" con 64 profughi a bordo in viaggio verso Lampedusa 

Anche ieri il ministro dell'Interno Matteo Salvini aveva annunciato il divieto assoluto di ingresso in acque italiane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • "Hanno incassato 80 mila euro su un prestito di 25, ma ancora volevano soldi": fermati due fratelli

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

  • Alberi e detriti per strada, il sindaco: "Non uscite da casa se non necessario"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento