Mare Jonio ad un miglio da Lampedusa, il sindaco: "I porti sono aperti"

Salvatore Martello: "So che la nuova circolare del ministro Salvini è stata trasmessa in nottata alle autorità, ma in mare non esistono le circolari. Se hai bisogno e se c'è bisogno io chiedo di entrare, insomma, mi devi fare entrare. E basta"

Il sindaco di Lampedusa Salvatore Martello

"Riesco a vedere la nave Jonio, sono alla fonda a poco più di un miglio dalla costa. Noi siamo qui che li aspettiamo. Se arrivano sono i benvenuti...". Lo ha detto il sindaco di Lampedusa Salvatore Martello. "Se c'è bisogno del nostro intervento - dice Martello - noi interveniamo". E ricorda che "non c'è un' ordinanza di chiusura dei porti, che mi risulti". La nave "Mare Jonio" è a circa un miglio dalla costa lampedusana. Di fatto, si sarebbe messa al riparo visto che più a largo le onde arrivano a circa tre metri. 

Mare Jonio è arrivata a Lampedusa, ma c'è il divieto di sbarco: chiesta evacuazione medica 

"Noi sindaci non abbiamo nessun potere, ma possiamo testimoniare che il porto di Lampedusa è aperto. Non ci sono dubbi! Ci sono navi che entrano senza autorizzazione, se c'è qualcuno che invece chiede l'autorizzazione non capisco per quale motivo non deve entrare - ha spiegato il sindaco delle Pelagie - .  I ragionamenti che si fanno con le carte sono validi quando non c'è il mare. In mare esiste tutta un'altra legge che è quella naturale: quella riconosciuta da tutti. Se c'è qualcuno in difficoltà deve essere aiutato. Quando ci sono criticità sulla barca e ci sono difficoltà a raggiungere un porto lontano e c'è un'isola come Lampedusa il primo approdo valido è Lampedusa, deve essere soccorso". 

"So che la nuova circolare del ministro Salvini è stata trasmessa in nottata alle autorità, ma in mare non esistono le circolari. Se hai bisogno e se c'è bisogno io chiedo di entrare, insomma, mi devi fare entrare. E basta" - ha spiegato il sindaco delle Pelagie Totò Martello in merito alla direttiva del Viminale in cui vengono ribadite e le procedure dopo eventuali salvataggi in mare. Secondo il Viminale "la priorità rimane la tutela delle vite ma subito dopo è necessario agire sotto il coordinamento dell'autorità nazionale territorialmente competente, secondo le regole internazionali della ricerca e del soccorso in mare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Qualsiasi comportamento difforme", sostiene il Viminale, "può essere letto come un'azione premeditata per trasportare in Italia immigrati clandestini e favorire il traffico di esseri umani". Da qui la decisione di firmare una direttiva che è stata inviata a tutte le autorità interessate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Covid-19, altri due casi in provincia: chiuso ristorante e richiamati tutti i clienti

  • La faida sull'asse Favara-Belgio, scatta l'operazione "Mosaico": raffica di arresti, trovate armi

  • Operazione "Mosaico": duplice tentato omicidio, ecco chi sono i 7 arrestati

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: 8 gli agrigentini contagiati

  • Nuova "bomba" d'acqua sull'Agrigentino: strade e ristoranti allagati, albero su auto

  • Il Covid non molla la sua presa: due nuovi casi a Favara, uno a San Biagio e Grotte

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento