Il naufragio davanti l'isola dei Conigli, il relitto è a 40 metri di profondità: al via le ricerche

Non sarà semplice, esattamente per come non lo è stato in occasione della tragedia del 7 ottobre scorso, il recupero di eventuali cadaveri rimasti impigliati nell'imbarcazione

L'imbarcazione naufragata il 7 ottobre a 6 miglia da Lampedusa

La motovedetta Cp 324 della Guardia costiera - alle ore 14,45 - è tornata in mare. Dopo una mattinata di stop, a causa delle condizioni meteo, le ricerche dei dispersi sono riprese anche via mare. E non soltanto via aerea. 

Donna morta nel naufragio, in tasca il suo passaporto e quello delle figlie

Nel frattempo, con il coordinamento del procuratore aggiunto Salvatore Vella che è il titolare del fascicolo d'inchiesta aperto ad Agrigento, si stanno organizzando i mezzi per individuare il relitto.

L'imbarcazione di 10 metri, naufragata nel tardo pomeriggio di sabato ad un miglio dall'isola dei Conigli di Lampedusa, dovrebbe trovarsi ad una profondità elevata: intorno a 40 metri. Non sarà semplice, esattamente per come non lo è stato in occasione del naufragio del 7 ottobre scorso, il recupero di eventuali cadaveri rimasti impigliati nell'imbarcazione. 

I superstiti: "Eravamo 170 e siamo partiti dalla Libia"
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • Emergenza Coronavirus, scatta la quarantena per tre persone

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • Psicosi Coronavirus, dirigenti scolastici sospendono le gite

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento