rotate-mobile
Le ricostruzioni / Lampedusa e Linosa

Il naufragio al largo di Lampedusa: viaggiava con la mamma la bimba ivoriana che è annegata

La donna, in stato di choc, si trova all'hotspot: lo stesso posto dove è stato trasferito il fratello dell'uomo che è morto dopo che si è ribaltato il barchino di 7 metri

Aveva un anno e mezzo la bambina, ivoriana, che ha perso la vita, ieri mattina, annegando ad oltre 30 miglia dalla costa di Lampedusa dopo che la barca di metallo di 7 metri, sulla quale viaggiava con la mamma, si è ribaltata ed è affondata. 

La mamma, in stato di choc, si trova all'hotspot di contrada Imbriacola dove è stato portato anche il fratello dell'uomo che è morto a seguito del naufragio. 

Su quella barca, partita da Sfax alle ore 5 di giovedì, erano complessivamente in 35 originari di Camerun, Costa d'Avorio, Guinea, Sierra Leone e Burkina Faso. 

Naufragio di Lampedusa, salgono a tre i morti: recuperato anche il corpo di una donna

Il barchino, uno dei tanti in difficoltà, era stato segnalato, ieri mattina, fuori dalle acque Sar italiane. E’ stata subito dirottata una motovedetta della Capitaneria e in volo s’è levato l’elicottero della Guardia di finanza. Quando i soccorritori sono giunti all’altezza delle coordinate fornite, non c’era però nessuna “carretta”. Il barchino era già affondato. C’erano però due pescherecci tunisini con a bordo dei migranti salvati, ma anche delle salme. Su un motopesca c’erano i cadaveri della bimba e dell’uomo e altre 4 persone in condizioni critiche. Fra loro anche un neonato che è stato tirato fuori dall’acqua prima che annegasse. Sull’altro peschereccio c’erano invece 28 superstiti e la salma di una donna.

Il neonato e gli altri tre migranti, che stavano male, sono stati portati, in via precauzionale, al Poliambulatorio di contrada Grecale.

Quell'inarrestabile via vai: 307 migranti sbarcati durante la notte, oltre 1300 gli ospiti dell'hotspot

Sono stati identificati i tre migranti che hanno perso la vita, nella tarda mattinata di ieri, nel naufragio del barchino di 7 metri avvenuto ad oltre 30 miglia dalla costa di Lampedusa. Oltre alla bambina di 1 anno e 2 mesi, Sara, originaria della Costa d'Avorio, sono morti una donna di 38 anni, Melen, originaria del Camerun e un coetaneo, Jonny, ivoriano. 

La Procura di Agrigento, con l'aggiunto Salvatore Vella, già ieri ha aperto un fascicolo d'inchiesta, a carico di ignoti, per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e morte quale conseguenza di altro reato. I superstiti, fra cui 10 donne, adesso, verranno ascoltati per provare a ricostruire cosa sia effettivamente accaduto durante la traversata, perché il barchino s'è ribaltato ed è affondato e, soprattutto, chi c'era alla guida di quel natante partito da Sfax. 

(Aggiornato alle ore 11,50)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il naufragio al largo di Lampedusa: viaggiava con la mamma la bimba ivoriana che è annegata

AgrigentoNotizie è in caricamento