Cronaca Lampedusa e Linosa

Inaugurato il restauro della Porta d'Europa, Tareke Brhane in ricordo del naufragio: "Non ci stancheremo mai di chiedere risposte concrete"

Dopo il momento di raccoglimento di questa notte, alle 3,15: orario della tragedia del 2013, c'è stato un primo incontro - in piazza Castello - con gli studenti e la preghiera nel luogo simbolo di accoglienza

Ore 15,25. "Nulla è cambiato nelle politiche migratorie dell'Unione Europea": queste le parole del presidente della Regione. Nello Musumeci, nel ricordo delle vittime del 3 ottobre 2013. "Da allora si stima che altre 22 mila persone siano morte in mare inseguendo il sogno di una vita migliore in Europa. Solo la notte scorsa, a Lampedusa, sono stati registrati 12 nuovi sbarchi. Sono e saranno tutte tragedie scampate - per fortuna - fino a quando Bruxelles continuerà a confinare esclusivamente nella rituale commemorazione dei tanti naufragi  l’emergenza migranti che, da sola e ogni giorno, la Sicilia affronta senza tregua".

Ore 12,30. E' stato inaugurato oggi a Lampedusa il restauro della Porta d'Europa, lavori fatti grazie al contributo di Unicoop Firenze e dei cittadini che hanno contribuito alla raccolta fondi lanciata la scorsa estate dalla cooperativa toscana che ha superato i 37mila euro. L'opera, dell'artista della Transavanguardia Mimmo Paladino, è collocata nel punto più a sud d'Europa e vuole ricordare i tanti migranti morti e dispersi nel Mediterraneo. Inaugurata nel 2008 e dopo oltre 10 anni segnata dal vento e dalle intemperie del mare, l'opera necessitava di restauro e gli interventi hanno interessato la pulitura generale delle superfici, la sostituzione delle parti metalliche degradate, l'incollaggio delle scaglie di ceramica e la stuccatura e il consolidamento della struttura. "A nome di tutti coloro che hanno partecipato alla raccolta fondi, con piccoli o grandi contributi, oggi inauguriamo la Porta d'Europa, restaurata, che di nuovo brilla nel sole e si apre sul Mediterraneo - sottolineano in una nota da Unicoop Firenze -. L'opera di Paladino è un simbolo di accoglienza, un omaggio a chi ha perso la vita cercando una vita migliore: aver sostenuto il suo restauro per noi significa riaffermare con forza i valori di umanità e solidarietà che ci contraddistinguono. Averlo fatto 'insieme', con una raccolta fondi partecipata, ci ha permesso di sensibilizzare e coinvolgere molte persone". La presentazione della Porta restaurata è stata uno dei momenti più intensi del programma della Giornata della Memoria e dell'Accoglienza che si tiene ogni 3 ottobre a Lampedusa in ricordo del naufragio del 2013 in cui, al largo dell'isola siciliana, persero la vita 368 persone. 

Ore 10.20. "Oggi, 3 ottobre, è la giornata della memoria e dell'accoglienza. Siamo insieme agli studenti di tutta Europa per ricordare queste vittime, sono nate invisibili e sono morti invisibili. Non ci stancheremo mai di continuare, da questa isola, a chiedere alla comunità internazionale a dare risposte concrete". Lo ha detto Tareke Brhane del comitato 3 ottobre lungo via Roma a Lampedusa. Otto anni fa 368 persone morirono a 800 metri dalla costa di Lampedusa. Da allora - secondo quanto rendono noto dal comitato 3 ottobre - oltre 22 mila vite sono state spezzate nel Mediterraneo.

Notte di caos a Lampedusa: 18 sbarchi con oltre 608 persone, hotspot di nuovo super affollato

"Non ci stancheremo di ricordarle, non ci stancheremo di ricordare a tutti che queste persone sono esistite, avevano fratelli, figli, genitori che li piangono" - ha aggiunto Tareke Brhane - . Per la commemorazione di quest'anno non c'è stata nessuna marcia lungo le strade dell'isola. Dopo il momento di raccoglimento di questa notte, alle 3,15: orario del naufragio del 2013, c'è stato un primo incontro - in piazza Castello - con gli studenti ed è, al momento, in corso una preghiera a Porta d'Europa dove verrà inaugurato il restauro del monumento.

Il sindaco di Agrigento Franco Miccichè depone un mazzo di fiori sulla tomba di 86 vittime al cimitero di Piano Gatta

commemorazioni a porta d'europa 2021,2-2-2

E' presente l'arcivescovo di Agrigento, Alessandro Damiano; l'imam di Catania, nonché presidente della comunità islamica Mussie Zerai; l'alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza del Parlamento Europeo Maria Arena; il vice presidente della commissione per le libertà civili , la giustizia e gli affari interni del Parlamento Europeo Pietro Bartolo. Fra poco, come da tradizione, verrà deposta in mare una corona di fiori, alla presenza delle istituzioni, dei pescatori e dei superstiti.

(Aggiornato alle ore 15.25)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurato il restauro della Porta d'Europa, Tareke Brhane in ricordo del naufragio: "Non ci stancheremo mai di chiedere risposte concrete"

AgrigentoNotizie è in caricamento