Venerdì, 23 Luglio 2021
Cronaca

"Rientrano in Italia violando il divieto", convalidati arresti di tre migranti

I tunisini erano sbarcati nonostante il provvedimento delle autorità gli imponesse di non fare ingresso in Italia. Il giudice non applica alcuna misura e dà il nulla osta all'espatrio

(foto archivio)

Arresto convalidato, nessuna misura cautelare applicata e nulla osta all'espatrio. Queste le decisioni del giudice monocratico del tribunale di Agrigento, Giuseppa Zampino, nei confronti di tre tunisini sbarcati gli scorsi 12 e 13 giugno, nel mezzo di un'ondata di approdi a Lampedusa, nonostante fossero destinatari di un decreto di respingimento, emessso da tre diverse Questure, con divieto di reingresso in Italia.

I tre migranti, difesi dall'avvocato Gianfranco Pilato, sono stati sottoposti, come da prassi, alle procedure di identificazione successive allo sbarco ed è stato accertato che, a distanza di un breve periodo dal rimpatrio (5 mesi per due di loro, dieci per il terzo), erano rientrati violando i provvedimenti dell'autorità.

Il pubblico ministero Elenia Manno, che ha disposto il giudizio direttissimo, aveva stabilito che gli stessi, in attesa della convalida restassero all'hotspot in regime di arresti domiciliari. Il magistrato della Procura, inoltre, aveva chiesto l'obbligo di dimora nella provincia di Agrigento. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Rientrano in Italia violando il divieto", convalidati arresti di tre migranti

AgrigentoNotizie è in caricamento