rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Il fenomeno / Lampedusa e Linosa

Mare calmo e traversate della speranza: 14 approdi con 332 persone nel giro di poche ore

All'hotspot di contrada Imbriacola, dopo un trasferimento effettuato in mattinata, sono presenti 813 ospiti, a fronte dei circa 350 posti disponibili

Il mare calmo facilita le traversate della speranza. E a Lampedusa, da stanotte, è un susseguirsi di approdi e soccorsi da parte delle motovedette di Guardia di finanza e Capitaneria di porto. 

Ore 16,15. Dodici tunisini, compresi cinque minorenni e due donne, sono stati soccorsi dalla motovedetta V802 della Guardia di finanza mentre erano su un barchino di 9 metri a due miglia dalla costa di Lampedusa. E' stato il
quattordicesimo sbarco nel giro di poche ore nell'isola delle Pelagie. Anche questo gruppo è stato trasferito all'hotspot di contrada Imbriacola dove sono presenti 813 persone. 

Ore 13,35. Altri tre sbarchi, con un totale di 40 migranti, si sono registrati a Lampedusa dove, da stanotte, salgono a 13 gli approdi con un totale di 321 persone. Una motovedetta della Guardia di finanza ha prima bloccato 13 tunisini all'imbocco del porto, poi altri 12, fra cui 2 minori, ed infine 15. All'hotspot di contrada Imbriacola, dopo un trasferimento effettuato in mattinata, sono presenti 801 ospiti, a fronte dei circa 350 posti disponibili.

Ore 8. Sbarchi senza sosta a Lampedusa, dove dalla scorsa mezzanotte sono approdati 281 migranti, facendo salire a 566 il numero complessivo di arrivi in appena 24 ore. Complici le condizioni meteo favorevoli e il mare piatto decine di 'carrette' del mare hanno tentato la traversata del Mediterraneo. A bordo di un  barcone di 11 metri, a quattro miglia delle coste dell'isola, gli uomini della Capitaneria di porto hanno rintracciato 73 migranti, sbarcati intorno a mezzanotte al molo Favaloro, dove poco dopo sono giunte altre 73 persone, tra cui una donna, rintracciate dai militari delle Fiamme gialle a 20 miglia a bordo di un barcone di 10 metri che è stato sequestrato. 

All'ingresso del porto, invece, la motovedetta della Guardia costiera ha intercettato un barchino di 5 metri con 10 tunisini a bordo, mentre altri 13, tra cui una donna, sono stati rintracciati dalle Fiamme gialle a 13 miglia dalle coste della più grande delle Pelagie. Sono riusciti, invece, a raggiungere autonomamente l'isola i 57 migranti, tra cui 6 donne, bloccati a terra dai finanzieri a Cala Pisana. Arrivano dalla Tunisia i due gruppi di 15 e 13 migranti, intercettati a bordo di due barchini, lasciati alla deriva, rispettivamente a 11 e a 22 miglia dall'isola e sbarcati al molo Favaloro intorno alle 3.30. 

Gli ultimi due approdi all'alba. Poco dopo le 5 gli uomini della Guardia di finanza hanno fatto sbarcare 14 tunisini rintracciati a un miglio dal porto dell'isola insieme ad altri 13 migranti, provenienti da Pakistan, Siria e Sudan. I barchini utilizzati per la traversata sono stati sequestrati. Per tutti è stato disposto il trasferimento nell'hotspot di contrada Imbriacola dove si trovano 880 ospiti.  

(Aggiornato alle ore 13,45)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mare calmo e traversate della speranza: 14 approdi con 332 persone nel giro di poche ore

AgrigentoNotizie è in caricamento