Mare Jonio e Alex, la Ong: "E' un sequestro politico, liberate le due navi"

La Mediterranea Saving Humans si è rivolta ai ministri dell'Interno Luciana Lamorgese, delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli, della Difesa Lorenzo Guerini

La Mare Jonio

"Restituite immediatamente le navi sequestrate, compiendo un atto di giustizia e legalità". E' questo l'appello lanciato, su Facebook, dalla Ong Mediterranea Saving Humans: la rete delle associazioni italiane che ha promosso le missioni di monitoraggio nel Mediterraneo centrale.

"Il sequestro delle nostre navi (Alex e Mare Jonio ndr) non è un sequestro giudiziario - sottolinea Mediterranea - perché non è stato disposto da alcuna Procura: si tratta di un sequestro politico, di una presa d'ostaggi, a seguito di provvedimenti firmati congiuntamente dai ministri italiani dell'Interno, della Difesa e dei Trasporti, applicando le norme incostituzionali del decreto sicurezza bis. Quei provvedimenti potrebbero essere revocati, anche domattina, da una firma dei Ministri oggi in carica, permettendoci immediatamente di tornare a fare quello per cui siamo nati: essere nel Mediterraneo centrale per monitorare e denunciare le violazioni dei diritti umani senza mai sottrarci all'obbligo di salvare chi è in pericolo". 

Nave Alex è stata sequestrata il 7 luglio del 2019 dopo avere salvato 59 persone, tra cui 4 neonati, e averle condotte nel porto sicuro più vicino, quello di Lampedusa; la Mare Jonio è stata sequestrata il 3 settembre del 2019 dopo avere salvato 98 persone, tra cui 22 bambini.

"Abbiamo pochi dubbi - scrive la Ong - che in sede giudiziaria la verità verrà affermata, le nostre navi saranno liberate, e i danni subiti da Mediterranea verranno riconosciuti. Ma i tempi della giustizia amministrativa sono lunghi, e nel frattempo è solo una precisa scelta politica a tenerci fermi in banchina". 

"Chiediamo ai ministri dell'Interno Luciana Lamorgese, delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli, della Difesa Lorenzo Guerini - conclude l'appello - di restituire immediatamente le navi sequestrate, compiendo un atto dovuto di giustizia e legalità".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • "Hanno incassato 80 mila euro su un prestito di 25, ma ancora volevano soldi": fermati due fratelli

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

  • Alberi e detriti per strada, il sindaco: "Non uscite da casa se non necessario"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento