rotate-mobile
Fra emergenze e problemi / Lampedusa e Linosa

Nuovo depuratore, ambulanze, trasporti e illuminazione: Mannino traccia il bilancio dei primi 6 mesi da sindaco

"Abbiamo ottenuto la norma per i segretari comunali delle isole minori, è stata consegnata ad Aica la rete idrica e fognaria; siamo intervenuti per il deposito delle bombole"

"Dopo circa 20 anni, Lampedusa ha di nuovo l’autorizzazione allo scarico dei reflui fognari nel nuovo depuratore ed entro la fine di febbraio inaugureremo il primo stralcio. Poi dovremmo avere il depuratore completamente prima dell’estate". Lo ha annunciato, tracciando un bilancio dei primi sei mesi da sindaco, Filippo Mannino che, fin dal momento dell'insediamento, si è subito occupato delle emergenze rifiuti, servizio idrico e fognario e, inevitabilmente, del fenomeno immigrazione che tanto pesa sul territorio di Lampedusa. 

"Dentro il palazzo comunale abbiamo dato una sterzata ad un modus operandi che non ci piaceva affatto e poi abbiamo compiuto un’inversione di rotta su alcuni aspetti burocratici amministrativi - ha spiegato il sindaco delle Pelagie - .  Fuori dal palazzo, oltre alle emergenze, ci siamo occupati di 'piccole' e diverse problematiche: lo scarico fognario al bar del porto; l’intervento alle stazioni di sollevamento di Cala Salina e Cala Palme; la questione del laboratorio analisi; l’operazione adotta un’aiuola e il recupero di tutti gli autoveicoli abbandonati in giro per l’isola; il dissequestro del depuratore e l’inizio dei lavori; il ripristino dell’illuminazione pubblica in via Roma, piazzetta Guitgia, Obelisco Pomodoro, area giochi piazza Castello". Ma è stata anche "risolta la questione del raddoppio Tosap; riattivata la seconda ambulanza; liberato il piazzale di Cala Pisana e istituto il divieto di sosta nella zona - ha proseguito Mannino - . E' stata istituita, quando è servita, la nave umanitaria per migranti; abbiamo ottenuto la norma per i segretari comunali delle isole minori; è stata consegnata ad Aica la rete idrica e fognaria; siamo intervenuti per il deposito delle bombole; è stata fatta la campagna di sterilizzazione e microchippatura dei randagi". Ed ancora, l'amministrazione Mannino è riuscita ad ottenere "la riduzione del costo dei biglietti aerei e il nuovo regolamento per le tariffe agevolate; avviare i progetti utili alla collettività attraverso i percettori del reddito di cittadinanza; ripristinare i servizi navali con il recupero della corsa che ci era stata tolta; il servizio di psichiatria è stato portato a 12 ore settimanali; è stato avviato il nuovo servizio aliscafi con i collegamenti invernali e l’anticipo di quelli estivi". 

Risultati anche sulla più piccola delle isole Pelagie. "Adesso è possibile fare la carta d’identità direttamente sull’isola; aumento a 36 ore per tutti i lavoratori socialmente utili, ripristinata la condotta idrica che dal serbatoio serve il paese; garantita la continuità didattica nelle scuole fin dall’inizio; messa in funzione l’ambulanza di Linosa; illuminata la banchina di Pozzolana per consentire l’attracco serale dei traghetti; ripristinato il collegamento invernale con l’aliscafo". 

Le sfide del 2023 sono, naturalmente, tante. Anzi tantissime. Ma fin da questi primi giorni, il sindaco Filippo Mannino sta pensando ai tanti lavori pubblici da effettuare, "ad iniziare dalla scuola, il cui progetto esecutivo è stato approvato a metà dicembre e adesso possiamo far iniziare i lavori - ha detto - . E poi le strade: le buche le vediamo pure noi, le strade sono un colabrodo, lo sappiamo! Ma contiamo di iniziare in primavera con i lavori delle strade strade esterne e poi quelle interne". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo depuratore, ambulanze, trasporti e illuminazione: Mannino traccia il bilancio dei primi 6 mesi da sindaco

AgrigentoNotizie è in caricamento