Martedì, 16 Luglio 2024
La storia / Lampedusa e Linosa

Migranti, l'incontro a Marsiglia fra un giovane sbarcato a Lampedusa e don La Magra: "Grazie a tutti gli isolani"

L'ex parroco delle Pelagie, in Francia per degli incontri organizzati dalla comunità gesuita, ha ricevuto l'abbraccio del trentenne del Camerun che da qualche anno si è trasferito all'estero

E' attraverso don Carmelo La Magra, già parroco di Lampedusa, che Daniel, un trentenne originario del Camerun, ha voluto ringraziare "tutta la gente dell'isola che nel 2015 lo ha accolto a braccia aperte". Il sacerdote, attualmente incaricato della chiesa Madre di Racalmuto, si trova a Marsiglia per gli incontri "Rencontres Méditerranéennes".

Ieri sera, trattando le sfide del Mediterraneo, si è parlato di grande povertà, conflitti, pluralità religiosa, questione ecologica e situazione dei migranti. Fra i partecipanti all'incontro, tra giovani e vescovi, oltre a don Carmelo La Magra, anche il giovane del Camerun che "quando mi ha sentito nominare Lampedusa - racconta don Carmelo - gli si è rallegrato il cuore ed ha fatto in modo di incontrarmi per esprimere, attraverso me, la sua infinita gratitudine alla gente dell'isola in cui ha trovato la salvezza".

Daniel, da anni vive a Marsiglia, ma mai potrà dimenticare la sua traversata della speranza, né tanto meno lo sbarco a Lampedusa. "Un giorno qualcuno mi disse che sarebbe arrivato in momento in cui, in diversi luoghi della terra, qualcuno, grato per la propria salvezza o quella delle persone care, avrebbe benedetto il Cielo al solo sentire il nome di Lampedusa - ha detto don Carmelo La Magra -. Ieri sera, il giorno prima della festa della Madonna di Porto Salvo, è stato così! Ed è stata davvero una grande emozione". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti, l'incontro a Marsiglia fra un giovane sbarcato a Lampedusa e don La Magra: "Grazie a tutti gli isolani"
AgrigentoNotizie è in caricamento