Caso "Sea watch", a Porta d'Europa tornano gli striscioni "Aprite i porti"

Sull'isola è presente anche don Luigi Ciotti, presidente di Libera, che ha già incontrato l'equipaggio "Mare Jonio" di Mediterranea Saving Humans

Ancora una volta, in tanti - don Carmelo La Magra, sacerdote della parrocchia San Gerlando di Lampedusa, in testa - si sono ritrovati a Porta d'Europa e sugli scogli hanno sistemato lo striscione "Aprite i porti". Un appello accorato e plateale quello lanciato per aiutare e soccorrere la nave "Sea Watch 3" che si trova al largo di Lampedusa con 65 persone migranti a bordo.

La Sea Watch si avvicina a Lampedusa, il comandante : "Porto sicuro per 65 persone"

aprite i porti2-2 

Sull'isola è presente anche don Luigi Ciotti, presidente di Libera, che ha già incontrato a Lampedusa l'equipaggio Mare Jonio di Mediterranea Saving Humans ."Il male - ha detto, secondo quanto riporta l'Adnkronos - ha tre grandi complici: il silenzio, l'indifferenza, l'inerzia e bisogna aggiungere anche la viltà e la mancanza di coraggio. Tante tragedie della storia, ad esempio l'olocausto, sono avvenute anche grazie al concorso di queste forme di complicità morale e materiale. L'equipaggio della Mare Jonio di Mediterranea Saving Human ha avuto il merito di opporsi a questo male, a questa perdita di umanità e civiltà. Sono cittadini, esempio di responsabilità e integrità morale, e invece c'è chi ai più alti livelli della 'politica' pensa di incriminarli. Ma se una colpa 
hanno è quella di 'restare umani' in un tempo in cui rischiamo di essere schiacciati dal cinismo, dall'indifferenza, dalla sete di potere".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Caso Mare Jonio, interrogatorio fiume dell'armatore: esaminati documenti ed email

Don Ciotti domani parteciperà insieme ad oltre 700 ragazzi e ragazze delle scuole elementari, medie e superiori di Lampedusa alla una staffetta di corsa non agonistica per far correre un messaggio di pace, di solidarietà e di integrazione all'interno del progetto Libera la natura. Gli studenti si passeranno tra le mani un testimone dal valore simbolico: un pezzetto di legno che arriva proprio da Lampedusa, ricavato da uno dei tanti barconi che approdano sulle coste. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • "La cultura riparte", riapre la Valle dei Templi: ingresso gratis per tutti

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento