Caso "Sea Watch 3", il magistrato Spataro: "Se necessario scendiamo in piazza in onore dei colleghi di Agrigento"

"Il procuratore ed i suoi magistrati fedeli alla legge, indagano ma tutelano le persone. Dovrebbe essere la normalità ma non sempre è così, indipendentemente dai deliri che ci circondano, ignorando le disposizione di legge e la dovuta tutela dei diritti umani"

Il magistrato Armando Spataro

"Sento il dovere di dirvi che leggendo la decisione della Procura di Agrigento mi sono emozionato in maniera forte: il procuratore ed i suoi magistrati fedeli alla legge, indagano ma tutelano le persone. Dovrebbe essere la normalità ma non sempre è così, indipendentemente dai deliri che ci circondano, ignorando le disposizione di legge e la dovuta tutela dei diritti umani". Lo ha scritto il magistrato Armando Spataro, ex procuratore presso il tribunale di Torino, ex procuratore di Milano e coordinatore del gruppo specializzato nel settore dell'antiterrorismo.

I 47 immigrati sbarcano dalla "Sea Watch 3", la nave sequestrata andrà a Licata 

"Senza retorica, mi inchino di fronte ai colleghi di Agrigento - ha aggiunto - . Stringiamoci attorno a loro, se necessario scendiamo in piazza in loro onore, parliamo e informiamo". 

Il parroco di Lampedusa a Salvini: "Ti affido alla Madonna di Porto Salvo"

Il magistrato è intervenuto pubblicamente in difesa del procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio, e di tutta la sua "squadra". 

Il ministro Salvini: "Pronto a denunciare chiunque procederà allo sbarco"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento