Ruba un orologio da parete e lo porta via come souvenir, denunciata turista di Cremona

La settantenne è stata riconosciuta e bloccata, dai carabinieri, durante i controlli di frontiera svolti all'aeroporto: stava per imbarcarsi

I carabinieri all'aeroporto di Lampedusa

Stava per partire in aereo con il suo prezioso “souvenir”, del valore di alcune centinaia di euro, ma è stata riconosciuta e bloccata in aeroporto a Lampedusa. La turista settantenne di Cremona è stata denunciata, alla Procura della Repubblica di Agrigento, per l'ipotesi di reato di furto aggravato.  

Nelle ultime ore, i carabinieri di Lampedusa, nel corso delle indagini avviate a seguito del furto di un orologio da parete, in ceramica, commesso pochi giorni fa all’interno di un noto negozio di preziosi dell’isola, sono riusciti ad individuare l’autore del “colpo” e sono riusciti a recuperare anche la refurtiva.

Alcuni giorni fa, la proprietaria di un esercizio commerciale dell’isola aveva denunciato in caserma il furto di un bell’orologio da parete, in ceramica, del valore di alcune centinaia di euro. Incrociando i filmati di alcune telecamere della zona, in breve tempo, i carabinieri sono riusciti ad acquisire sospetti su un'anziana donna, verosimilmente una turista.Sono state estese le ricerche in tutta l’isola. Ricerche che duravano da qualche giorno. Nelle ultime ore, durante i controlli di frontiera svolti all'aeroporto, i carabinieri hanno riconosciuto la donna che stava per imbarcarsi su un aereo. E' stata bloccata e durante la perquisizione dei bagagli, è saltato fuori, intatto e pronto a far bella mostra di sé, il prezioso orologio in ceramica. A quel punto, una volta sequestrata la refurtiva, nei confronti della 70enne, insospettabile turista cremonese, è subito scattata la denuncia per furto aggravato. Poche ore dopo, i carabinieri hanno restituito il pregiato oggetto alla proprietaria del negozio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento