menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una "spiaggina" posteggiata nei pressi della Guitgia (foto ARCHIVIO)

Una "spiaggina" posteggiata nei pressi della Guitgia (foto ARCHIVIO)

Rubano una "spiaggina", incastrati dalle telecamere: denunciati 2 giovani

Il furto della Citroen Mehari, lasciata posteggiata a Cala Croce, è avvenuto negli scorsi giorni. Con una rapida attività investigativa i carabinieri sono riusciti a identificare i ladri

La “spiaggina” – una Citroen Mehari – era scomparsa, volatilizzatasi all’improvviso, da Cala Croce. Un furto sui generis per Lampedusa dove le auto, soprattutto se utilizzate dai turisti, non vengono neanche lontanamente sfiorate. Un furto che è stato però, naturalmente, subito denunciato alla stazione dei carabinieri. E i militari dell’Arma di Lampedusa, grazie ad una rapidissima indagine, sono riusciti a dare un nome e cognome ai due ladri. Hanno 26 e 21 anni, i palermitani che sono stati denunciati, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento. L’ipotesi di reato contestata loro è di furto aggravato.

Il furto della Citroen Mehari, lasciata posteggiata a Cala Croce, è avvenuto negli scorsi giorni. Una volta acquisita la denuncia, i carabinieri della stazione di Lampedusa hanno subito passato in rassegna tutti i filmati delle telecamere di video sorveglianza presenti nella zona prima e poi, allargandosi a macchia d’olio, nel resto dell’isola. Un’attività investigativa, meticolosa e determinato, che ha consentito appunto di arrivare all’identificazione di quei due giovanissimi che - senza destare sospetti: senza dunque essere visti, né sentiti – si erano, all’improvviso, impossessati della “spiaggina”. Una macchina che difficilmente, senza la necessaria documentazione, avrebbe potuto lasciare l’isola. Una macchina – tipica anche delle vacanze estive a Lampedusa – che ha fatto finire nei guai i due giovanissimi palermitani. Adesso, il ventunenne e il ventiseienne, residenti a Palermo, dovranno difendersi dall’accusa di furto aggravato. Non è la prima volta, né probabilmente sarà l’ultima, che le immagini dei sistemi di video sorveglianza dislocati sull’isola di Lampedusa tornano utili ai carabinieri della stazione. Già qualche mese fa, grazie a dei filmati, riuscirono ad identificare una turista che aveva rubato un orologio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento