Rubano una "spiaggina", incastrati dalle telecamere: denunciati 2 giovani

Il furto della Citroen Mehari, lasciata posteggiata a Cala Croce, è avvenuto negli scorsi giorni. Con una rapida attività investigativa i carabinieri sono riusciti a identificare i ladri

Una "spiaggina" posteggiata nei pressi della Guitgia (foto ARCHIVIO)

La “spiaggina” – una Citroen Mehari – era scomparsa, volatilizzatasi all’improvviso, da Cala Croce. Un furto sui generis per Lampedusa dove le auto, soprattutto se utilizzate dai turisti, non vengono neanche lontanamente sfiorate. Un furto che è stato però, naturalmente, subito denunciato alla stazione dei carabinieri. E i militari dell’Arma di Lampedusa, grazie ad una rapidissima indagine, sono riusciti a dare un nome e cognome ai due ladri. Hanno 26 e 21 anni, i palermitani che sono stati denunciati, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento. L’ipotesi di reato contestata loro è di furto aggravato.

Il furto della Citroen Mehari, lasciata posteggiata a Cala Croce, è avvenuto negli scorsi giorni. Una volta acquisita la denuncia, i carabinieri della stazione di Lampedusa hanno subito passato in rassegna tutti i filmati delle telecamere di video sorveglianza presenti nella zona prima e poi, allargandosi a macchia d’olio, nel resto dell’isola. Un’attività investigativa, meticolosa e determinato, che ha consentito appunto di arrivare all’identificazione di quei due giovanissimi che - senza destare sospetti: senza dunque essere visti, né sentiti – si erano, all’improvviso, impossessati della “spiaggina”. Una macchina che difficilmente, senza la necessaria documentazione, avrebbe potuto lasciare l’isola. Una macchina – tipica anche delle vacanze estive a Lampedusa – che ha fatto finire nei guai i due giovanissimi palermitani. Adesso, il ventunenne e il ventiseienne, residenti a Palermo, dovranno difendersi dall’accusa di furto aggravato. Non è la prima volta, né probabilmente sarà l’ultima, che le immagini dei sistemi di video sorveglianza dislocati sull’isola di Lampedusa tornano utili ai carabinieri della stazione. Già qualche mese fa, grazie a dei filmati, riuscirono ad identificare una turista che aveva rubato un orologio. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento