rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca Lampedusa e Linosa

Lampedusa, niente accordo: confermato lo sciopero dei netturbini

Pagato uno stipendio agli operatori ecologici, le ditte avevano chiesto la revoca che non è stata accolta dal sindacato

Confermato lo sciopero dei netturbini di Lampedusa. Le ditte che hanno in appalto il servizio della raccolta rifiuti sulle due isole, Iseda, Sea e Seap, avevano scritto al sindacato U.S.B, che nei giorni scorsi aveva proclamato uno sciopero di tutto il personale addetto al cantiere di Lampedusa da domani e per 24 ore, chiedendone la revoca. 

LEGGI ANCHE: Caos netturbini a Lampedusa, il sindacato: "Sollecitiamo ancora i pagamenti"

Pagato uno stipendio ai netturbini, le ditte avevano, quindi, chiesto la revoca dello sciopero. "La generale difficoltà finanziaria in cui versano i comuni siciliani in questo momento - scrivono le ditte - ha costretto le imprese del settore, a considerevoli esposizioni bancarie ed oggi, a limitate disponibilità finanziarie. Tale ritardo nel pagamento delle spettanze non può costituire valido motivo per la sospensione di un servizio pubblico essenziale".

LEGGI ANCHE: Pagato, uno stipendio: le ditte chiedono la revoca dello sciopero

Il sindacato ha replicato: "Nel sollecitare ancora una volta i pagamenti delle mensilità di marzo e aprile 2017, diffidiamo le RTI Iseda - Sea -Seap a non strumentalizzare l'attuale fase politica di Lampedusa che ci vede assolutamente estranei, con il sacrosanto diritto allo stipendio". 

Lo sciopero, alla fine, come annuncia il segretario Usb Aldo Mucci, è stato confermato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lampedusa, niente accordo: confermato lo sciopero dei netturbini

AgrigentoNotizie è in caricamento